#‎ticuntu‬… eravamo emigranti!

Questa volta voglio parlarvi di emigrazione, ma di quelle emigrazioni che videro parecchi siciliani coinvolti agli inizi del novecento. Fame e carestia portarono i nostri avi a cercar fortuna altrove, oltre l’oceano.
Allegherò due momenti che descrivono ciò:
1) la prima è un estratto della relazione dell’Ispettorato del Lavoro americano fornitami da Santo Trovato che ringrazio pubblicamente:
“Generalmente sono di pelle scura, e molti di loro puzzano perché tengono lo stesso vestito per molte settimane.
Si costruiscono baracche di legno ed alluminio nelle periferie delle città dove vivono, vicini gli uni agli altri.
Quando riescono ad avvicinarsi al centro affittano a caro prezzo appartamenti fatiscenti.
Si presentano di solito in due e cercano una stanza con l’uso della cucina. Dopo pochi giorni diventano quattro, sei, dieci.
Tra loro parlano lingue a noi incomprensibili, probabilmente antichi dialetti.
Molti bambini vengono utilizzati per chiedere l’elemosina ma, sovente, davanti alle chiese si trovano anche donne vestite di scuro e uomini quasi sempre anziani, che invocano pietà con toni lamentosi e petulanti.
Dicono che siano dediti al furto e, se ostacolati, violenti.
Le donne li evitano non solo perché poco attraenti e selvatici, ma perché si è diffusa la voce di alcuni stupri consumati dopo agguati in strade periferiche quando le nostre donne tornano dal lavoro.
I nostri governanti hanno aperto troppo gli ingressi alle frontiere ma, soprattutto, non hanno saputo selezionare tra coloro che entrano nel nostro Paese per lavorare e quelli che pensano di vivere di espedienti o, addirittura, attività criminali…” – Tratto dalla Relazione dell’Ispettorato del Lavoro inviata al Congresso degli Stati Uniti, in riferimento agli immigrati italiani in America – Ottobre 1919.


2) la seconda è il monologo di Vanna Polizzi tratta dal lavoro teatrale “Fimmini di Sicilia” di Davide A.S. Gullotta andato in scena nel 2014 ed interpretato da Mary Fichera e Giusy Vinciguerra.
Vanna:
– Mi chiamo Giovanna Polizzi ma a casa mi sannu sentiri Vanna. Sugnu mugghieri di Turi Catalano e aiu setti figghi tutti nichi. Campamu di sula terra e quannu isamu l’occhi ‘ncielu mi scaldu stu cori arido di fatichi. Cca c’è u suli… ma comu campamu? Di suli? Turi seppi da canuscenti ca c’è ‘npaisi luntanu ca si chiama Merica e ddocu, riciunu, si travagghia e si po pinsari a ddarici u pani e me figghi. E daccussì sa pinsau e cu picca soddi pattiu ppi la Merica quattr’anni fa. Ricordu ancora , co ruppu alla gola, a partenza di Turi ne primi ore do matinu. Passava pa potta tante vote e tante vote tunnava arreri picchì u core ci diceva ca s’ava scuddatu occa cosa e ogni vota era a scusa ppi vasarimi. Ma u me cori mi diceva ca nun avissi cchiu vistu a me maritu. Partiu ppi Palermo ma arrivato o portu ci dissero di cunnuttarisi ppi na para di jorna picchì, disseru, l’avanu sistemari in locande in attesa di farici a visita medica. U me Turi è forti… ma picchì farici a visita medica? Ci cuntrullaru i denti e l’occhi… comu i cavaddi e arripiteru a visita ppi tre gghiorna di segutu. Arrivau u jornu di partiri e ‘s’ambarcau su piroscufu. Mi scrissi ca era circondato de valiggi e ‘nsemi all’autri facevamo a fila p’acchianari. Appi paura picchì pinsava a comu faceva ddu cosu enormi a stari a galla ppi tutti di gran jorna. U viaggiu durau 15 jorna. Ogni jorna Turi mangiau suppa, e passava i jurnati ‘ndo ponti di terza classi a jucari a mangiari i spaghetti che mani legati arreri oppure jucannu o jocu do barili. Mi cuntau ca un tremendo temporale s’abbattiu supra a navi. Comu suggi ‘n trappola stavunu ‘nde letti di ferro mentre a navi furriava ppe l’arca e la Merca. Traseva l’acqua ‘nda le finestre e Turi ciccau di ‘ntuppare che i vistiti. Eppi paura u me Turi… mu scrissi!… ju nun sacciu leggiri ed ogni vota chiamo donna Giuseppina che avi so marito ca sta a la merica e pattiu tri anni prima di Turi. Idda sta sempre ccu mia. Avi paura dde masculi ca ci sunu ‘npaisi. Anzi mi dissi di stari accura a me figghia Cettina picchì a visti parrari cu un carusu da so età. Ju nun ci dissi nenti a Giusippina, ma Cittina mi cuntau ca stu carusiddu ci piaci, ci fa l’amuri, ci batti u cori forti forti. Ah l’amuri fossi ca fossi Cettina sta criscennu! Giuseppina mi cuntau ca so maritu s’imbarcau clandistinu e comu un suggi a notti nisceva circannu mangiari. “Gesu! chi vita ‘ndo piroscufu”. Mi cuntau anche ca na vota ca s’arriva a Ellis Island è importanti parrari na lingua straniera ca non è talianu. Mi fici arriri picchì so maritu ci dissi che i jammi veri sicchi voldiri sugnu molto malatu. Ci u fici scriviri a Turi e iddu mi dissi ca su tutti fissirii. Mah! Turi arrivau a Ellis Island e ci ficiru ppi 40 jorna visiti medichi. Mi cuntau cca na para di amici sò appero turnare in sicilia. U me Turi è forti e arrinisciu a superari. Mi cuntau cca se parteva macari ju mi fineva ca fossi ni dividevono accussì comu finiu a marito e mugghieri ca furuno divisi e non si sappi nenti. Gesù! E daccussì u me Turi travagghia in questa Merica. Ogni tanto mi manda i soddi ma ju risparmio cu tutti i me figghi e travagghiu a orate ‘nda famigghia benestante. Ogni sira m’assettu cca ‘nda sta seggia e recito u rosario a Maria Vergine. Parru cca Maronna e ci raccumannu u me Turi!… mi manca me maritu… ppi ddaveru… a sira, ddoppo u rosariu, iddu s’assittava cca e sonava u friscalettu addumannu a nuttata cca so alligria… E’ allegru u me Turi… non ci vosi diri nenti ca mossi Ninuzzu, ddoppo na tussi ca nessuna miricina curau… Era u nicu… era beddu come so patri… u Signuri mu vosi luvari picchì n’aveva a forza ppi campari. In sta terra ci volunu brazza forti e curaggiusi… chista non è terra ppi debuli… A stamatina arrivau na littra… non è a scrittura di Turi… chista è di luntanu e non è a scrittura di Turi… Aspittamu donna Giusippina cca ma leggi… (Fimmini di Sicilia – Davide Gullotta)

Vorrei aggiungere a questo post una testimonianza rilasciata da una fan della pagina Ti cuntu:
Marinella Pizzino scrive: “Introduco una mia storia personale. Mio nonno giovanissimo si sposò con mia nonna, nacque mia madre; dopo circa nove mesi parti’ clandestino per l’America dove lavorava e riuscì pure a costruire una casa. Scriveva sempre e voleva mandate le foto di mia madre, le inviava bei vestiti e soldi e voleva che lo raggiungesse in America, perché lui non poteva tornare. Il fato volle che si ammalasse e che a soli quarant’anni morisse. Ricordo gli occhi tristi di mia nonna e quelli di mia madre che ancora tiene una grande foto di un bellissimo ragazzo che suona una chitarra, solo questo le è rimasto. Ci sono stati tempi durissimi, solo la grande saggezza e religiosità che queste donne avevano è riuscita a dare loro la forza per sopravvivere”.

#‎ticuntu‬… l’Autonomia della Sicilia

Nel febbraio 1944 gli Alleati riconsegnarono la Sicilia al governo italiano del Regno del Sud, che nominò un Alto commissario. Intanto, però, riprendeva forza l’antica tendenza all’indipendenza ed all’autogoverno, che nel secolo scorso aveva spinto i siciliani a chiedere il distacco dall’Italia. Si sviluppò il movimento separatista. Esso tenne agitata la vita dell’isola per diversi anni, finché si andò spegnendo, anche per l’istituzione, con il Decreto regio 15 maggio 1946, della Regione Siciliana, che concedeva lo statuto speciale d’autonomia. Nell’aprile del 1947 veniva eletto il primo parlamento siciliano, che il 30 maggio eleggeva il primo governo regionale. Oggi vogliamo ricordare la nostra Sicilia attraverso le parole dei poeti antichi e moderni.

Poesie sulla SICILIA

“Di te amore m’attrista,
mia terra, se oscuri profumi
perde la sera d’aranci,
o d’oleandri sereno,
cammina con rose il torrente
che quasi n’è tocca la foce.
ma se torno a tue rive
e dolce voce al canto
chiama da strada timorosa
non so se inerzia o amore,
ansia d’altri cieli mi volse,
e mi nascondo nelle perdute cose.”
Salvatore Quasimodo

“L’Italia senza la Sicilia non lascia immagine
nello spirito: la Sicilia è la chiave di tutto.”
Johann Wolfgang Goethe
– Viaggio in Italia –
(alla lettera datata “Palermo, venerdì 13 aprile 1787″)

“L’ Etna nevoso, colonna del cielo
d’acuto gelo perenne nutrice;
mugghiano dai suoi recessi
fonti purissime d’orrido fuoco,
fiumi nel giorno riservano
corrente fulva di fumo
e nella notte ròtola
rocce portando alla discesa
profonda del mare, con fragore.”
Pindaro
– Ode Pitica –

“Sai tu isola bella, a le cui rive
manda Jonio i fragranti ultimi baci,
nel cui sereno mar Galatea vive
e su’ monti Aci?”
Giosuè Carducci
– Primavere Elleniche –

“Giusto è che questa terra,di tante bellezze superba,
alle genti si addìti e molto si ammiri,
opulenta d’invidiati beni
e ricca di nobili spiriti…..”
Lucrezio
– De rerum natura –

Sicilia Patria mia – Inno siciliano – testo di Massimo Costa musica di Carlo Muratori
“Jardinu di bidhizza e di splinnuri,
isula jittata ‘n-menzu di lu mari,
terra filici chî so tanti ciuri,
nun n’abbàstanu l’occhi pi taliari.
Cca li tri Cuntinenti s’incuntraru
pi dàrisi la manu o pi luttari,
Adi e Pirsèfuni si maritaru;
amuri e sangu sempri a cuntrastari.
Sicilia, Sicilia, tutti cèrcanu a idha,
Sicilia, Sicilia, di civirtati stidha,
china di luci e vita,
amuri e fantasìa,
Sicilia, Sicilia, Tu si’ la Patria mia.
Cca vìnniru li Greci e Saracini
chi s’immiscaru poi cu li Nurmanni:
un Populu chi senza li catini
avìa un Regnu riccu, forti e granni.
A cu’ la mala signurìa ni detti
dèttimu cu lu Vespru na lizioni; *
arrispunemu juncènnunni tutti
e tannu addivintamu na Nazioni.
Sicilia, Sicilia, tutti cèrcanu a idha,
Sicilia, Sicilia, di civirtati stidha,
china di luci e vita,
amuri e fantasìa,
Sicilia, Sicilia, Tu si’ la Patria mia.
Cu Garibaldi la Sicilia critti
d’avìrinni ricchizza e libirtati;
n’arrispunneru cu li bajunitti,
emigrazioni, mafia e puvirtati.
Mentri parìa ca jìamu tutt’ ô funnu
si senti un gridu di l’antichi tempi;
dici ‘a Sicilia ‘n-faccia a tuttu ‘u munnu:
“Nuatri semu un Populu pi sempri!”
Sicilia, Sicilia, tutti cèrcanu a idha,
Sicilia, Sicilia, di civirtati stidha,
china di luci e vita,
amuri e fantasìa,
Sicilia, Sicilia, Tu si’ la Patria mia.”

#‎ticuntu‬… la magia di Montalbano Elicona

La pace di Caltabellotta, più che definire la fine dell’ostilità tra angioini e aragonesi, costituì una tregua. Federico II (III) dovette prendere in moglie la figlia del suo antagonista Carlo II, Eleonora d’Angiò, e riprese a ricostruire e rinforzare le difese sia terrestri che marine della Sicilia. In questo contesto storico Montalbano Elicona accrebbe la sua importanza, diventando base militare insostituibile.

Fu proprio durante il periodo aragonese che la cittadina conobbe il periodo di massimo splendore. Il legame che Federico aveva con Montalbano non era solo militare, ma sentimentale. Egli, predilesse Montalbano, i ricordi che lo accompagnarono risalivano all’infanzia, quando spesso vi sostava insieme alla madre durante i viaggi della regina da Palermo a Messina. Il nome Montalbano è indissolubilmente legato a quello del re Federico d’Aragona. Questi, invasato dall’aria, dallo splendido orizzonte, amò talmente la posizione in cui sorgeva Montalbano che abbellì e rinnovò il castello. Lo fortificò ulteriormente costruendovi una cinta muraria e trasformò il nuovo corpo svevo da fortezza a reggia. L’opera di ristrutturazione fu talmente incisiva che alcuni storici, ne hanno attribuito la fondazione allo stesso Federico.

La tesi più probabile è, invece, che la costruzione dell’imponente castello non sia avvenuta ex-novo, ma su costruzioni arabe e normanni già preesistenti. Per quanto riguarda l’oppidum muro cintum si sa che in esso si accedeva per 4 porte: Porta Reale a Sud, Gian Guarino a ovest, Porta di terra a est, Portella a nord. Ogni porta aveva una sua funzione: dalla prima entrava Federico, la seconda prendeva il nome da un guerriero che morì difendendone l’ingresso, la terza era una porta segreta e dalla quarta vi entravano i popolani.

Il castello servì a Federico II per rendere più comodo e agevole il suo soggiorno, infatti, egli soleva spesso recarvisi per curare una malattia di cui era affetto, la podagra. A Montalbano infatti vi era un’acqua che sgorgava della Fonte Tirone, che per le sue sostanze oleaginose era ritenuta salutare per malattie simili. Dal castello di Montalbano, nel 1311 Federico emanò le norme per l’elezione delle cariche amministrative della città di Palermo, che rappresentarono le più antiche norme elettorali della storia europea. E’ in quegli anni che il castello divenne “regias aedes”. Dal castello il re ammoniva quei religiosi che sobillando la popolazione, osteggiavano la monarchia intromettendosi negli affari dello Stato. Re Federico II fece di Montalbano uno dei campi di prova di nuove esperienze religiose che, ispirandosi ad una chiesa caratterizzata dalla povertà evangelica, contrastava quella gerarchica della Curia romana, mettendone a nudo la corruzione del clero, i riti, la lettura. Egli istituì scuole di insegnamento evangelico accessibili a tutti, ricchi e poveri. Aprì istituti per accogliere gli orfani, ospedali per i vecchi e gli infermi. Molte delle chiese sorte a Montalbano che si fanno risalire al XVI-XVII sec, sembra che in realtà fossero rifacimenti, ristrutturazioni di edifici nati proprio durante il regno aragonese.

Alla corte di re Federico soggiornò per lunghi periodi Arnau di Villanova, di lui si sapeva: “Di Vilanova, cittadina nel Regno di Valencia, era un grande e famoso medico che si chiamava maestro Arnaldo di Vilanova. Era un uomo illuminato in diverse scienze, che disprezzava assai il mondo e andava vestito molto semplicemente, né mai volle prender moglie e si muoveva sempre a cavallo di un asino. Non aveva casa né ostello, e apparteneva al Terz’Ordine di san Francesco. Fu un uomo molto rinomato per sapienza naturale, grande scienza e vita virtuosa, uomo di grande zelo e molto fervente nell’incitare ogni creatura al servizio di Dio. Visse al tempo del re Giacomo d’Aragona di buona memoria, che fu fratello del re Federico di Sicilia. Questi conosceva l’arte della necromanzia in modo esaustivo, e fu pregato dal suddetto re Giacomo che gli insegnasse quest’arte, e non gliela volle mai insegnare, dando come motivo il fatto che ne avrebbe usato male; comunque, visto che amava più caramente il re Federico di Sicilia, dopo grandi e lunghe preghiere a lui lo concesse. E quando egli era passato in Sicilia per insegnare quest’arte al suddetto principe, ed arrivò a Genova, qui nostro Signore gli mandò una malattia che si chiama pleuresi; e benché non ci fosse stata prima nessuna malattia dalla quale egli non fosse guarito, da questa non poté guarire”.

La regina Eleonora lo volle alla corte per proteggere la famiglia dalle malattie e soprattutto per le cure del marito. Secondo il Devins e Musco (Argimusco Decoded), il luogo preposto per le cure, oltre il Castello, fu l’Argimusco, un altopiano che si trova in poco a nord dell’Etna, all’incirca al confine tra i monti Nebrodi e i Peloritani, diviso amministrativamente tra i comuni di Montalbano Elicona, Tripi e Roccella Valdemone. Il fine di Arnau era quello di realizzare sul sito di “Argimustus” una sorta di grande talismano di pietra al fine della medicina astrale per la cura del corpo del re e per la salute della famiglia reale nei tempi nefasti della imminente apocalisse.

Da documenti del 1308 risulterebbe che la regina Eleonora, tassando i territori di sua competenza (Camera reginale) abbia finanziato Arnau per la realizzazione dell’Argimusco come ricompensa per le attenzioni date al consorte e al regno nonché per la guida di morale evangelica data a lei stessa raccomandandole di non avere letture mondane, di organizzare gruppi religiosi e di essere un esempio di santità per i suoi sudditi.

#‎ticuntu‬… Bona Pasqua

Al risorger di Cristo si ha la benedizione universale. Un prete in suppiddizza (superpelliceum) o cotta e stola accompagnato dal chierico portante il secchiello dell’acqua santa andava liberalmente per le case impartendo la benedizione. I preti, contro il volere della chiesa, ne fecero ragione di lucro, ed i privati, le femminucce soprattutto, di riprovevoli pratiche. La legislazione ecclesiastica del cinque e seicento minacciò di gravi pene questi ingordi sacerdoti, che con segni, gesti e parole esigevano un prezzo dell’opera loro, ed inculcò che nel lasciare a donnicciuole e ad uomini insipienti l’acqua benedetta, raccomandassero loro di non servirsene, com’era costume, ad usi profani e superstiziosi. La Pasqua è finalmente giunta e fortunato chi la vede! “Miati l’occhi chi vidinu a Pasqua!”. La Pasqua non può esser se non di Domenica , a differenza dei Natale , che può ricorrere in qualunque giorno della settimana, per cui si suol dire: “Pasqua di Duminica, e Natali d’ogni tempu”. Essa viene sempre il domani d’una luna piena; onde il seguente altro proverbio meteorologico: “Nun veni Sabbatu santu si nun è quintadecima”. Un tempo non troppo lontano la Pasqua la si festeggiava a mezzogiorno e a Catania, tra forestieri e non, si soleva baciarsi e abbracciarsi per le strade in segno di buon augurio. La mattina di questo lieto giorno, a Vizzini, si fa incontrare Gesù Cristo risorto con Maria, entrambi condotti in giro da due processioni diverse. Maria non sa che il figlio vada in cerca di lei, e ne riceve avviso qua da S. Pietro, là da S. Giovanni, altrove da S. Maria Maddalena, statue che vengono condotte da Maria a Gesù, da Gesù a Maria, da una chiesa ad un’ altra come fa chi abbia premura di ricongiungere persone amatissime che sospirano d’amore l’uno per l’altro. Avvenuto l’incontro, il Demonio legato con catena di ferro vien trascinato e condotto a mano da S. Michele Arcangelo dietro i simulacri di Cristo e Maria. Un uso che qui non va omesso è questo, che nell’istante in cui Madre e Figlio s’incontrano, dal manto nero che si lascia cadere a Maria volano colombe o tortore od altri uccelli.
E passiamo dal sacro al profano. In casa vi son vivande e cibi rituali, che nessun buon siciliano saprebbe trascurare. È possibile che non si assista alle cerimonie religiose, è facile che non si prenda parte a nessuna pratica della Settimana santa, ma non è presumibile che si resti indifferenti a ciò che per questo sacrosanto dì offre la cucina siciliana. Pel lesso di carne e pollo, passi; nonostante che siavi cotta dentro la pastina di uso; passi per l’agnello, che in un modo o in un altro cucinato s’imbandisce a mensa, documento il proverbio: “A Pasqua pari cu’ ha beddi agneddi, Ed a Natali cu’ ha beddi nuciddi”, ed il motto proverbiale : “Truzza, Martinu, che la Pasqua veni (Martinu è nome comune dell’agnello. Nel linguaggio convenzionale martinu si dice d’un Menelao qualunque);(picureddi o agnellini di mandorle e zucchero — pasta riali — vendono i pasticcieri); ma alla cassata, al pupu cu l’ovu, all’ovu duru, alle ravioli in generale come si rinunzia? La cassata, dolciume che dicono arabo , è una pasta informe rotonda e ripiena di crema dolcissima, di zucca candita tagliuzzata e d’altri ingredienti. “Tintu cu’ ‘un mancia cassati la matina di Pasqua”, esclama un antico motto siciliano; “Tintu cui perdi li cassati dì Pasqua!”, esclama una variante di esso; e quando non si è più in grado o in volontà di fare altrui un bene che altre volte s’è fatto, o d’impartir grazie e favori come un tempo, usa dirsi: “Cui nn’appi nn’appi cassati di Pasqua”. Ed è tale la celebrità di questo dolce che da tempi molto lontani dai nostri esso diede nome alla stessa Domenica di Resurrezione, la quale ebbe il titolo di Pasqua di li cassati . Altro dolce è lu pupu cu l’ovu, che moltissimi mangiano. È una pasta ammollita di forma oblunga e schiacciata con una rilevatura capace di piccolo uovo a un iato, ov’è chiusa della conserva. Meno comune della cassata il pupu cu l’ovu si faceva specialmente in alcuni monasteri , e si mandava come la cassata a qualche sacerdote , per lo più da una penitente o da tutta una comunità. L’uso di far dolci come questi è antico ne’ monasteri siciliani e qualche volta attirò le censure ecclesiastiche! Sotto il nome di cuddura cu l’ova si vende o regala una pasta non dolce in varie forme, per lo più lunga o circolare, con uno, due , quattro o più uova sode dentro. Le famiglie agiate distribuivano de’ cannatuna ai fanciulli o alle bambine dei loro dipendenti. Gli adulti mangiavano il giorno o la sera di Pasqua la cassatedda, cioè un dolce fritto nell’olio composto di pasta con dentro ricotta, sul quale si spande, messo in piatto, del miele, o dello zucchero. Nel cuocere le cassateddi tutta la famiglia accorreva in cucina, radunandosi festosamente intorno al focolare, come facevano le primitive famiglie. Per Pasqua pecorai e boari avevano la vicenda , cioè erano dispensati dal servizio perchè rivedevano la famiglia e adempivano al precetto pasquale : erano donati dal padrone rotoli di pane , vino , ricotta , cacio fresco non salato e salato, un agnello e altro, per far la festa in famiglia. Tutta questa roba dava un gran da fare a forni ed a fornelli, né senza ragione nacque il modo proverbiale: “Aviri cchiù a fari di li furni di Pasqua”, ed il proverbio: “A Pasqua ed a Natali tutti li lagnusi diventani massari”. Oggi malgrado queste usanze sono scomparse la Pasqua riunisce tutte le famiglie, ad ogni modo vi auguro di passare una Buona Pasqua in serenita!
Auguri dalla redazione di “Ti cuntu”

(Immagine tratta dalla raccolta cuginischiantarelli.it)

#‎ticuntu‬… i Vespri siciliani

I Vespri siciliani furono una insurrezione scoppiata a Palermo il 30 marzo del 1282 all’ora del vespro del Lunedì di Pasqua, contro il malgoverno di Carlo d’Angiò.
La prima parte dei Vespri si concluse nel 1302 con la “Pace di Caltabellotta”, siglata da aragonesi e angioini, che prevedeva che la Sicilia tornasse agli Angiò alla morte di Federico III d’Aragona, il quale assunse il titolo di “re di Trinacria”.
Risulta arduo stabilire quale fu l’episodio vero e primo che scatenò la rivolta palermitana; tuttavia la tradizione popolare riconduce l’insurrezione all’episodio di un soldato francese, tale Drouet, che insieme ad altri soldati francesi arrecarono offesa ad una neo sposa, in soccorso della quale sarebbe subito intervenuto il marito. L’episodio avrebbe dunque dato inizio ad una guerra che si sarebbe conclusa definitivamente solo nel 1372, con un nuovo accordo siglato da Giovanna d’Angiò e Federico IV di Sicilia.
La rivolta, che si propagò ben presto in tutta la Sicilia, affonda le sue radici negli anni Cinquanta del Duecento: dopo la morte di Federico II di Svevia, infatti, si era venuto a creare il problema della successione al titolo imperiale e a quello siciliano; Manfredi, fratellastro di Corrado IV, erede designato da Federico II, aveva raggiunto un grande potere dopo la morte di Corrado, mettendo in allarme la curia papale, che si rivolse a Carlo d’Angiò, fratello minore di Luigi IX di Francia: nel 1266 Carlo, divenuto re di Sicilia come Carlo I d’Angiò, sconfisse a Benevento Manfredi, e due anni più tardi sconfisse anche Corradino, l’ultimo discendente degli Hohenstaufen, casata di Federico II di Svevia.
L’amministrazione angioina si era posta in continuità con quella sveva, seppure con alcune differenze: vennero introdotte alcune figure amministrative di stampo tipicamente francese e la composizione della classe dirigente (quasi unicamente formata dai connazionali di Carlo d’Angiò) favorì l’insorgere di sorprusi e di un generale malgoverno.
E’ proprio questo malcontento nei confronti dei francesi, visti come usurpatori e prepotenti, che diede inizio alla rivolta siciliana. Le città insorte si costituirono in Liberi Comuni fondati sulla partecipazione popolare; il coinvolgimento di Messina fu molto importante per garantire un futuro alla rivolta, in quanto questa città era il centro amministrativo dell’isola, sede del vicario regio e della guarnigione, oltre che polo economico e commerciale. I siciliani tuttavia non riuscirono a trovare un punto d’accordo per darsi una costituzione salda e unitaria.
Un ulteriore tradizione riferisce di un episodio avvenuto durante l’infiammarsi della rivolta: per individuare i soldati francesi in incognito, i palermitani chiesero ai sospettati di pronunciare la parola “cicero” (poiché i francesi lo pronunciavano “sisero”), e chi avesse pronunciato la parola scorrettamente sarebbe stato trucidato all’istante.
La parola d’ordine tra gli organizzatori della rivolta era “Antudo”, la cui origine è dubbia, ma che si fa tuttavia risalire alla frase “ANimus TUus DOminus” (“Il coraggio è il tuo signore”) e che divenne presto simbolo della sollevazione del Vespro.
Legata al periodo della rivolta a Catania, e legata agli avvenimenti dello scoppio dei Vespri del 30 Marzo 1282, è invece la storia di Gammazita, una fanciulla catanese bellissima e di grande virtù: si invaghì di lei un soldato francese, che venne tuttavia rifiutato dalla giovane, poiché fidanzata.
Nel giorno del suo matrimonio, Gammazita si recò al pozzo per prendere l’acqua, quando venne aggredita violentemente dal soldato francese; vistasi preclusa ogni via di scampo, la giovane preferì gettarsi nel pozzo piuttosto che cedere al disonore.
Un’altra versione della stessa leggenda pone la storia nell’anno 1278 e narra di donna Macalda Scaletta, bellissima ed orgogliosa vedova del signore di Ficara, che attirava l’attenzione di tutti i cavalieri francesi e siciliani; Macalda, tuttavia, era innamoratissima del suo giovane paggio Giordano, il quale si era tuttavia invaghito della giovane Gammazita, che aveva trovato intenta a ricamare dinanzi alla soglia della sua casa.
L’amore che Giordano provava per Gammazita destò le ire e la folle gelosia di Macalda, la quale si accordò con il francese de Saint Victor per tendere loro un tranello: egli avrebbe dovuto far capitolare Gammazita e Macalda si sarebbe concessa a lui. De Saint Victor preparò numerose imboscate, approfittando delle volte in cui Gammazita si recava al pozzo per attingere l’acqua; un giorno riuscì ad afferrare la fanciulla, ma quale tuttavia preferì buttarsi nel pozzo per difendere il suo onore.
Giordano, appreso l’accaduto, assalì il francese in preda alla disperazione, uccidendolo a pugnalate dinanzi al cadavere dell’amata.
I Vespri siciliani assunsero nel tempo un’importanza simbolica: in particolare durante il Risorgimento si guardò ai Vespri come al simbolo della cacciata dello straniero, l’emblema della lotta per l’indipendenza.

(dipinto “I Vespri siciliani” di Michele Rapisardi (1864-65)

#‎ticuntu‬… I morti di Avola

‪Alla fine degli anni Sessanta la società rurale siciliana era caratterizzata da forti squilibri sociali e da un pesante sfruttamento dei lavoratori agricoli. I contadini per diventare proprietari dei fondi loro assegnati dopo l’esproprio, dovevano pagare per trent’anni una rata mensile, che in alcuni casi si rivelò troppo onerosa. Crebbe così il divario fra imprese capitalistiche e piccole aziende e in molte aree crebbe il degrado. Nel ’68-69 le masse meridionali parteciparono alla più generale rivolta in atto in tutto il paese, che coinvolse fabbriche, scuole, campagne culminando con l’autunno caldo del 1969. Nel sud si chiedevano in particolare, oltre ad aumenti salariali, la revisione delle norme del collocamento – l’eliminazione della figura del caporale e dell’ingaggio della manodopera in piazza – e l’abolizione delle “gabbie salariali”, in virtù delle quali un lavoratore con la stessa qualifica al nord guadagnava di più che al sud. La lotta intrapresa dai lavoratori agricoli della provincia di Siracusa il 24 novembre 1968, a cui partecipano i braccianti di Avola, rivendicava l’aumento della paga giornaliera, l’eliminazione delle differenze salariali e di orario fra le due zone nelle quali era divisa la provincia, l’introduzione di una normativa atta a garantire il rispetto dei contratti, l’avvio delle commissioni paritetiche di controllo, strappate con la lotta nel 1966 ma mai messe in funzione. Gli agrari rifiutano di trattare sull’orario e le commissioni. Lo sciopero prosegue. Il prefetto di Siracusa convoca di nuovo le parti, ma per due volte gli agrari non si presentano. La tensione sale. I braccianti effettuano blocchi stradali caricati dalla polizia. Il 2 dicembre 1968 Avola partecipa in massa allo sciopero generale. I braccianti iniziano dalla notte i blocchi stradali sulla statale per Noto, gli operai sono al loro fianco. Nella mattinata arrivano donne e bambini. Intorno alle 14 il vicequestore di Siracusa, Samperisi, ordina al reparto Celere giunto da Catania di attaccare. La polizia lancia lacrimogeni, ma per effetto del vento il fumo gli torna contro. Divenuti bersaglio di una fitta sassaiola, i militi sparano sulla folla. I manifestanti pensano siano colpi a salve, finché non vedono i loro compagni cadere. Il bilancio è di due braccianti morti, Angelo Sigona e Giuseppe Scibilia, e 48 feriti, di cui 5 gravi: Salvatore Agostino, detto Sebastiano, Giuseppe Buscemi, Giorgio Garofalo, Paolo Caldaretta, Antonino Gianò. Sul posto furono trovati quasi tre chili di bossoli. Verso mezzanotte il ministro dell’Interno Restivo convoca una riunione fra agrari e sindacalisti, che dura fino al giorno dopo. Il contratto viene firmato, le richieste dei braccianti sono state accolte. I fatti di Avola accelerano la formazione del nuovo governo di centrosinistra e la saldatura fra le lotte di operai e studenti. La sera del 7 dicembre all’inaugurazione della stagione lirica del Teatro della Scala, a Milano, uova e cachi sono lanciati contro le signore impellicciate. Viene alzato un cartello con su scritto: I braccianti di Avola vi augurano buon divertimento. I manifestanti tengono veloci comizi per ricordare ai poliziotti le loro origini proletarie. Nel gennaio 1969, 163 denunce si abbattono su braccianti e sindacalisti per il blocco stradale. Nel 1970 vengono spiccati 85 mandati di comparizione per i fatti del 2 dicembre e 60 per lotte precedenti. La destituzione del questore Politi servì per gettare fumo negli occhi di quanti chiedevano giustizia. Il prefetto, che aveva responsabilità maggiori, rimase al suo posto e fu promosso. Nessuno ha pagato per l’eccidio di Avola, l’inchiesta giudiziaria fu archiviata nel novembre 1970, poi arrivò l’amnistia per i lavoratori. (di Paola Staccioli )

#ticuntu…A la Cannilora Lu ‘nvernu è fora!

Il 2 febbraio la Chiesa cattolica celebra la presentazione al Tempio di Gesù (Lc 2,22-39), popolarmente chiamata festa della Candelora, perché in questo giorno si benedicono le candele, simbolo di Cristo “luce per illuminare le genti”. La festa è anche detta della Purificazione di Maria, perché, secondo l’usanza ebraica, una donna era considerata impura del sangue mestruale per un periodo di 40 giorni dopo il parto di un maschio e doveva andare al Tempio per purificarsi: il 2 febbraio cade appunto 40 giorni dopo il 25 dicembre, giorno della nascita di Gesù. In Sicilia fino al 1600 era d’uso per le donne recarsi in un monte per purificarsi mediante l’abluzione della rugiada recitando la seguente litania:
Jamunínni a la muntagna,
C’è Maria ca n’accumpugna :
N’accumpagna stamatìna,
Ppi cuggírinì I’acquazzina.
L’acquazzlna è ‘na spunzèra;
Binirìcítini li pinzera;
L’acquazzina è ni la menta
Binirìcítini i sintimenta :
L’acquazzina è n’ ‘ê violi,
Binirìcítini li palorí;
L’acquazzina è ni li puma,
Binirìcítini la pirsuna,
L’acquazzina è ni li satri ,
Binirìcítini, bedda Matri;
C’è Lucífru ca ni ‘ntanta,
Binirìcítini, Matri Santa,
E, dopo aver recítata la lauda, s’inginocchiavano e, dìguazzando le mani per entro all’erbe stillanti di rugiada, snocciolavano un’ave, e si segnavano in fronte col dito umido; poi un’ altra avemaria, e un segno di croce sul petto, e finalmente una terza ave, e una croce sul labbro.
Secondo l’ uso e le antiche costituzioni richiamate in vigore dal sinodo siracusano del 1651, si faceva obbligo ai parroci di comperare a loro spese, benedire e distribuire ai propri parrocchiani le candele.
La candela che veniva benedetta in Chiesa durante la funzione sacra si conservava, come le palme benedette, per devozione, e non andava accesa se non al capezzale dei moribondi.
Per questo giorno corrono parecchie credenze e tradizioni. si ritiene che se farà ‘bel tempo per la Purificazione, non tarderà molto a cader neve abbondantissima :
Quantu lu Suli di la Cannilora vidi,
Tantu pinni copri di nivi.
In altri comuni si dice che, nevichi o piova, l’inverno non durerà quind’ìnnanzi più di quaranta giorni :
A la santa Cannilora
Si cci nivica o cci chjova
Quaranta jorna cci nn’è ancora
Ed in altri, e sono i più, dicesi che l’inverno è già finito :
A la Cannilora
Lu ‘nvernu è fora ..

#ticuntu… i diavuli do Gebel

In collaborazione con partner Etnanatura approfondisci su http://www.etnanatura.it/news/?p=1512

Abbiamo il piacere e l’onore di pubblicare un intervento della professoressa Marinella Fiume tratto dal suo ultimo libro Sicilia esoterica (Newton Compton 2013). Marinella Fiume è nata a Noto (Sr), risiede a Fiumefreddo di Sicilia, cittadina di cui è stata sindaco. Laureata in Lettere classiche, insegna nei Licei. E’ presidente dell’Associazione antiracket “C. A. Dalla Chiesa”. Scrive saggi, racconti e romanzi. A nome di tutti gli amici di Etnanatura e Ti Cuntu ringraziamo la prof.ssa Fiume per la sua cortese disponibilità.

L’Etna, in dialetto siciliano, Mungibeddu, è un complesso vulcanico originatosi nel Quaternario ed ancora attivo. Il suo nome si fa risalire al greco antico Aἴτνα, che deriva dalla parola greca aitho (bruciare) o dalla parola fenicia attano (fornace), da cui il latino Aetna.
Gli Arabi la chiamavano Jabal al-burkān o Jabal Aṭma Ṣiqilliyya (“vulcano” o “montagna somma della Sicilia”), nome in seguito mutato in Mons Gibel, cioè la montagna due volte (dal latino mons “monte” e dall’arabo Jebel “monte”) proprio per indicarne la maestosità. Ma il termine Mungibeddu rimase di uso comune praticamente fino ai nostri giorni. Secondo un’altra teoria, il nome Mongibello deriverebbe da Mulciber, uno degli epiteti con cui i latini veneravano il dio Vulcano. Le popolazioni etnee chiamano l’Etna a muntagna, la montagna per antonomasia.
Un’ascesa al cratere è densa di suggestioni. Viaggiatori sulle orme dei tanti che ci precedono alla ricerca degli infiniti legami di senso tra realtà e immaginario, proprio come viandanti ci guardiamo dentro e indietro, sostiamo e ci inchiniamo a ogni piè sospinto a raccogliere e affardellare significati, echi, emozioni, immagini e parole d’altri, dei molti altri, grandi e meno grandi, scrittori del passato e del presente che nell’Etna e nei suoi luoghi si sono variamente imbattuti, subendone il fascino e immortalandoli. Perché l’Etna, il vulcano più attivo d’Europa, è un “catasto magico”, un patrimonio di archetipi, miti e leggende stratificato nei secoli su cui si fondano l’immagine simbolica e l’immaginario collettivo dei Siciliani.
I viaggiatori stranieri effettuarono l’ascesa al cratere come un viaggio iniziatico, di formazione, ma anche i boscaioli, i pastori, gli scalpellini, pur inorriditi dalla vorago profunda, la gran voragine che vomita fuoco, e dalla sterminata profondità del cratere, la profunditas incomprehensibilis, hanno dovuto imparare nei secoli a convivere con l’imprevedibile furia della Muntagna, il cui nome significa “l’ardente”.
Per gli scrittori della Grecia classica, il “mondo dei morti”, il Tartaro era situato sotto l’Etna.
Il gran mago Virgilio, nell’Eneide, rammenta Encelado che giace “dal fulmine percosso e non estinto sotto questa mole” e, quando sospira, “si scuote il monte e la Trinacria tutta”, mentre nelle Georgiche narra delle officine dei Ciclopi che si danno operosi a far saette “d’ammollato ferro al gran Tonante” e il Vulcano “delle pesanti incudini rimbomba”.
Ovidio, anche lui considerato nel Medio Evo un mago, nella cui villa a Sulmona aveva un pozzo dentro cui parlava col demonio, racconta nelle Metamorfosi di Tifeo, compagno di Encelado, che esala dalla bocca il fuoco per le caverne ed empie di pomici e di fumo il cielo intorno e tutte le campagne.
La leggenda narra che la Sicilia è sorretta dal gigante Tifeo che, volendo impadronirsi della sede celeste, fu condannato a questo supplizio: con la mano destra sorregge Peloro (Messina), con la sinistra Pachino e Lilibeo (Trapani), mentre l’Etna poggia sulle sue gambe e sulla sua testa. E, quando cerca di liberarsi dal peso delle città e delle grandi montagne, la terra trema.
Chi raccolse ai piedi del Vulcano la tradizione orale e la memoria letteraria, colta e popolare, fu soprattutto lo scrittore etnicolo Santo Calì (1918–1972), nato e vissuto a Linguaglossa “la bifida”, il cui toponimo è la ripetizione della parola “lingua”, dapprima in italiano e poi in greco. Egli così rievoca il fascino misterioso di un’ascensione all’Etna: “Fumano la voragine e i vicini crepacci alle insonni fatiche di Vulcano e dei Ciclopi nelle officine bruciate, ma il cratere centrale dorme il sonno del fatale Empedocle… Passano per la mente i pensieri sublimi onde le umane generazioni hanno conosciuto la via del bene e del male, sotto ai suoi piedi dentro la Voragine… è la visione paurosa di un inferno vivo, popolato di mille mostri, intronati dalle minacciose grida di Tifeo, Briareo ed Encelado, ma sopra di te il sole luminoso risplende in una gloria di Paradiso” (Nostalgia del cratere). Dal buio alla luce: il cammino della Gnosi.
Pur nell’incertezza delle fonti -Padri e Dottori della Chiesa e la letteratura popolare-, anche il medico positivista ed etnografo palermitano Giuseppe Pitrè (1841–1916), nel discutere su quale sia la terra dove vive il diavolo, sostiene che “l’abitazione più celebre dove si pone l’Inferno rimane comunque in Sicilia” e che la credenza popolare più antica e diffusa afferma che la bocca dell’Inferno è il Mongibello. Tale credenza risale alla tradizione medievale che poneva il regno del demonio dentro i vulcani appunto perché vomitano fiamme infernali, e l’Inferno nel centro della terra, per cui opera del demonio si consideravano terremoti ed eruzioni vulcaniche.
Una spiegazione tradizionale ma controversa è l’origine egiziana della credenza secondo cui i crateri dei vulcani sono “spiramenta” o “caminos”, porte dell’Inferno. E la leggenda, dalle sponde del Nilo, sarebbe poi passata in Grecia, da lì in Etruria e poi a Roma.
All’inferno di demoni “pagani”, che ci restituiscono le fonti classiche, da Platone ad Aristotele a Seneca, si sovrappone poi l’Inferno cristiano delle fonti che individuano nell’Etna la più ampia e terribile di queste porte: dal vescovo Patrizio, martire sotto Decio, a Minucio Felice (III sec.), a Paciano, vescovo di Barcinone (IV sec.), a Girolamo (V sec.), a Gregorio Magno (VI sec.), ai Padri della Chiesa.
A queste fonti vanno aggiunte le leggende di un ricco patrimonio tramandato oralmente, in parte raccolto dalla viva voce dei contadini e dei pastori etnei da autori come Santo Calì (Leggendario dell’Etna), in parte ancora trasmesso di padre in figlio, quando non completamente scomparso.
Lo studioso Benedetto Radice (Bronte 1854–1931), gran viaggiatore, pubblicista e frequentatore di archivi, in rapporti di amicizia con la grande cultura siciliana del primo ‘900 (Verga, Gentile, Pirandello, Capuana), scrive che “una leggenda antichissima dell’Egitto narra che i crateri dei vulcani fossero le porte dell’Inferno. All’avvento del Cristianesimo disparvero i tempii a Giove, a Vulcano ad Adrano. La concezione pagana del fuoco eterno tormentatore degli empii si fece cristiana. La filosofica leggenda si confuse con i demoni del Vangelo; la novella religione confermò, consacrò il mito, convertì Tifeo in Lucifero, i Giganti in demoni tormentatori, il fuoco etneo in fuoco infernale, e l’Etna fu detto Umbilicus Inferni”.
Ma chi è il diavolo, principio del male e nemico di Dio per Sant’Agostino e il pensiero cristiano, forza intermedia tra il mondo e la divinità per quello pagano?
Gli etnologi sostengono per lo più che gli dèi pagani, debellati dai santi, subiscano un processo di antropomorfizzazione, finendo col risorgere sotto forma di diavoli. La tradizione popolare che fa del cratere la porta dell’Inferno trasforma in demoni i numi che avevano avuto altari e templi: Giove, Giunone, Diana, Apollo, Mercurio, Nettuno, Vulcano, Cerbero e fauni e satiri sopravvivono al culto che loro era reso e ricompaiono tra le tenebre dell’Inferno cristiano. Ma, privi di quell’accento positivo che la pagana civiltà contadina aveva posto nel fuoco, le eruzioni dell’Etna divennero manifestazioni diaboliche e la distruttività da esse provocata fu interpretata come espiazione di colpe collettive e individuali.
Quello del demonio è infatti un mito a due facce: esso comprende Tifeo e Proserpina, fertilità e distruzione, in quanto l’economia contadina risente del potere benefico, fertilizzante della lava, ma anche del suo potere distruttivo.
Dottori e Padri della Chiesa sono quasi unanimi nel ritenere che i demoni abbiano un corpo, una forma umana gigantesca e mostruosa, che Torquato Tasso dice “strane ed orribili forme”, di una bruttezza spaventosa e ridicola, nella quale il ferino si mescola all’umano, perché il male è grottesco. Anche il Lucifero dell’Inferno dantesco è gigantesco e ampi echi delle descrizioni dei demoni della Divina Commedia giunsero alla letteratura popolare e furono assimilati nell’oralità e nell’iconografia successiva. I contadini vedono il diavolo come il peggior nemico, perciò nelle società agricole come quella siciliana, esso acquista un aspetto teriomorfo, di animale, di fiera, e rappresenta i rischi legati alla terra e al raccolto: malattia o moria del bestiame, siccità, tempesta. E nei Bestiari medievali il diavolo era elencato tra le altre bestie. Ma non c’è forma che questo “Proteo infernale”, tentatore e ingannatore dell’umanità, non possa rivestire all’occorrenza, come dimostrano le Vite dei Santi in cui esso appare in figura di uomini e donne, giovani o vecchi, amici o parenti, o di animali: draghi, serpenti scorpioni, lumache, formiche, volpi, rospi, leoni, pipistrelli, cani.
In Sicilia, il nome del diavolo è tabù, si ha tanto orrore di nominarlo per non evocarne la presenza, che si ricorre ad eufemismi come Chiddu cu li corna, U mmalidittu, L’ancilu niuru, U bruttu bestia, mentre Cìferu, corruzione di Lucifero è sinonimo di grosso serpente. Per esorcizzarlo si recita ancora questa orazione:
A lu pizzu di la livedda c’è u nimicu tintaturi quant’è laria la so fiùra fa scantari ogni criatura! E tu chi ci dirrai? Ca cu mia non c’è chi ffari. Cà lu iornu di Santa Cruci dissi milli voti Gèsu. (Al bordo dell’avello c’è un nemico tentatore quanto è brutta la sua figura fa spaventare ogni creatura! E tu che gli dirai? Che con me non c’è che fare. Chè il giorno di Santa Croce dissi mille volte Gesù).
Il diavolo, insomma, è la mitizzazione del male, l’espressione delle conflittualità dell’uomo con le realtà storiche e naturali, del conflitto Uomo-Natura, Uomo-Storia, e permette così di estraniare gli eventi negativi del reale, proiettandoli in un’illusoria figura mitologica. Ma è anche espressione dei piaceri carnali rimossi dall’etica e dai condizionamenti sociali, del complesso d’Edipo e del desiderio di sfidare il padre, tra emulazione e ostilità (Freud). E, come Dio, è anche un Mito, riflesso dell’inconscio collettivo universale e senza tempo (Jung). Dal punto di vista culturale, esso è il risultato dell’interiezione tra l’immaginario della lunga tradizione teologica (che culmina con la Summa di san Tommaso) e l’immaginario popolare, l’incontro tra il diavolo delle classi colte, che parla il latino ecclesiastico dei preti per soggiogare i contadini, e il diavolo plebeo che parla un linguaggio “mammalucchino” per difendersene e prendersene gioco. I demoni plebei, anzi, sono spesso “poveri diavoli”, fabbri specializzati nella lavorazione del ferro battuto – vanto dell’artigianato siciliano – che lavorano nelle officine etnee e ogni tanto scendono a valle quando viene commissionato loro qualche lavoretto. Una filastrocca ancora viva in queste vallate così recita:
Diavuli c’abbitati a Muncibeddu, scinnìti, ca bbi veni di calata, purtàtivi la ncunia e lu marteddu c’è di buscari na bbona jurnata. (Diavoli che abitate a Mongibello, scendete ché è tutta di discesa, portatevi l’incudine e il martello guadagnerete una buona paga).
In antitesi con la dottrina classica del cristianesimo, accanto alla tradizione teologica e letteraria riguardo Lucifero, si sviluppò, già nei primi tempi di fioritura e di espansione delle dottrine cristiane, una corrente gnostica che interpreta la figura luciferina in chiave salvifica e liberatrice per l’uomo dalla tirannia del Creatore: il serpente Lucifero, etimologicamente dal greco “Portatore di luce”, sarebbe colui che ha indotto l’uomo alla conoscenza, la scientia boni et mali, e dunque alla sua elevazione a divinità, contro la volontà di Dio che avrebbe voluto invece mantenere l’uomo a suo suddito. La sua figura sarebbe accostabile a quella di Prometeo, che rubò agli dei il fuoco per farne dono agli uomini e per questo fu punito.
Tali motivi saranno ripresi da una lunghissima tradizione gnostica e filosofica fino alla Massoneria, al Rosacrocianesimo, al Romanticismo e poi alla New Age: una cultura teosofica compendiata nel termine “Luciferismo” che ne esalta gli aspetti luminosi. Poiché Dio è Sophìa (Sapienza), il diavolo non poteva essere ignorato nella Kabala. Gli studiosi di mistica ebraica sostengono che il nome del diavolo sia quello di Jehowah letto al contrario, non perché sia Dio, ma in quanto negazione dell’idea stessa di divinità.
Nell’ambito dell’esoterismo e dell’occultismo, Lucifero, il più bello tra gli angeli, sarebbe un detentore di sapienza inaccessibile all’uomo comune. L’originario stato angelico di Satana e dei suoi demoni, la caduta dal Cielo a causa della loro superbia e al loro intento di usurpare Dio e l’introduzione nella storia della morte e del male (fisico, metafisico, morale) sono elementi essenziali del mistero della creazione nella Genesi. Perciò i cultori dell’occultismo vedono nel diavolo una categoria di spiriti “inferiori” (sia benigni sia maligni), un’espressione di libertà individuale (Eliphas Levi), e nell’esoterismo il diavolo è forza creativa, ideata per il bene, anche se in grado di servire il male, in contrapposizione con il Satanismo che identifica Lucifero con Satana e ne venera l’aspetto tenebroso. Dianus – Lucifero sarebbe un dio delle religioni antiche, fratello, figlio e marito della dea Diana, Signore della Luce e del Mattino, e legato agli antichi misteri del dio etrusco Tinia e agli dei greco-romani Pan, Bacco, Dioniso, Apollo. Dal dio greco Eosforo (torcia luminosa di Eos – Aurora), identificato con la Stella del mattino, deriverebbe Lucifer, un’antica divinità romana, rappresentata nei culti sotto l’aspetto agreste-pastorale del signore delle foreste e delle piante, della fertilità, dei raccolti, dei capi di bestiame, ma anche come signore della saggezza e guardiano dei santuari. Sebbene, in definitiva, le sue vere origini restino misteriose, il diavolo con le corna e le zampe di caprone denuncia una chiara derivazione dal dio Pan. I suoi culti misterici si manifestavano come riti orgiastico – sessuali caratterizzati da un’ebbrezza indotta sia da bevande alcoliche che da droghe, come i culti di Priapo e quelli fallici. La loro diffusione a Roma è testimoniata dalla “Casa dei misteri” di Pompei e dall’Asino d’oro di Apuleio. Avversati dal Senato romano e poi dal Cristianesimo, i culti bacchici sopravvivono in Sicilia sotto diverse forme. In seguito le “baccanti” divennero streghe e la Chiesa si diede a combattere il diavolo attraverso l’Inquisizione. Ma, nella iconografia medievale, Baphomet è divenuto simbolo dei maestri del Tempio, il cui volto resta oscuro. Dopo i Templari, molte donne furono condannate come eretiche e blasfeme, adoratrici di Baphomet, demone mostruoso ed ermafrodito, forse mutuato dalla figura di Bacco taurocefalo, ma anche storpiatura di “Maometto” in funzione antislamica.

Marinella Fiume, Da Sicilia esoterica (Newton Compton 2013)

#ticuntu… Sant’Antoni pani dintra e bracia fora!

Il 17 gennaio si festeggia Sant’Antonio Abate. Ora, onestamente, da piccolino non comprendevo del perché questo santo si festeggiasse due volte! Eh si perché tanta era la mia confusione che lo scambiavo con l’altro Antonio da Padova che si festeggia il 13 giugno. Comunque questo Santo incorpora in se tutte le tradizioni antiche e moderne di tante civiltà mondiali. Sant’Antonio abate, detto anche sant’Antonio il Grande, sant’Antonio d’Egitto, sant’Antonio del Fuoco, sant’Antonio del Deserto, sant’Antonio l’Anacoreta (Nato a Qumans, 251 circa – morto nel deserto della Tebaide, 17 gennaio 357), fu un eremita egiziano, considerato il fondatore del monachesimo cristiano e il primo degli abati. A lui si deve la costituzione in forma permanente di famiglie di monaci che sotto la guida di un padre spirituale, abbà, si consacrarono al servizio di Dio. La sua vita è stata tramandata dal suo discepolo Atanasio di Alessandria. È ricordato nel Calendario dei santi della Chiesa cattolica e da quello luterano il 17 gennaio, ma la Chiesa copta lo festeggia il 31 gennaio che corrisponde, nel loro calendario, al 22 del mese di Tuba. E’ raffigurato come un monaco anziano con barba bianca, vestito della tonaca da frate col cappuccio. Il bastone su cui si appoggia è spesso a forma di stampella, emblema tradizionale del monaco medievale il cui dovere era di aiutare gli zoppi e gli infermi, oppure è semplicemente un bastone pastorale. Spesso il manico del bastone è a forma di T, o in alternativa può comparire la lettera tau sulla sua tonaca, all’altezza della spalla. Questo simbolo richiama la croce egizia, antico simbolo di immortalità poi adottato come emblema dai cristiani alessandrini. Secondo un’altra interpretazione la lettera tau allude alla parola “thauma”, che in greco antico significa “prodigio”. Sotto la tutela di questo Santo il popolo ha messo il maiale. Il maiale, compagno inseparabile del santo in tutte le sue rappresentazioni, nel corso del medioevo, che aveva ancora l’aspetto del cinghiale, era infatti l’animale allevato dai monaci antoniani e secondo la tradizione il suo grasso era un antidoto contro l’herpes zoster, noto come il fuoco di sant’Antonio. Nell’acese, oltre al maiale, alla tutela del Santo stavano i cavalli, gli asini, i muli che si paravano con fettucce e si menavano in chiesa per averli benedetti. Il prete che benediceva riceveva una elemosina e dava una figurina di Sant’Antonio abate e un panellino (piccola pagnotta); questo si dava a mangiare agli animali, mentre la figurina si attaccava ad una parete della stalla. Si vendevano certe ciambellette di pane, che poi si davano ai bambini; vi erano però famiglie e persone che si astenevano dal mangiar pane come si faceva per S. Lucia.
Un altro protettorato ha S. Antonio: quello del fuoco; perciò chi aveva nell’acese de’ covoni di lino, fieno, paglia prometteva ed offriva al Santo delle elemosine per essere protetto e guardato dal fuoco distruttore. Tutti coloro che hanno a che fare con il fuoco vengono posti sotto la protezione di sant’Antonio, in onore del racconto che vedeva il Santo addirittura recarsi all’inferno per contendere al demonio le anime dei peccatori. Oggi con fuoco di sant’Antonio si intende, volgarmente, l’Herpes zoster, malattia virale a carico delle terminazioni nervose che, come evidente manifestazione clinica, presenta «un’eruzione di vescicole».
Un adagio celebre in buona parte d’Europa come in Sicilia ricorda il gran freddo di questo giorno:
“Sant’Antoni la gran friddura,
San Lorenzu la gran calura.
L’unu e l’autru pocu dura”.

e perciò il bisogno del fuoco:
“Sant’Antoni;
Pani dintra e bracia fora”.

Una pratica abbastanza ingenua delle ragazze modicane per sapere l’età del futuro loro sposo era quella di affacciarsi alla finestra e di vedere il primo che passava. Gli anni di lui significavano gli anni del marito ch’esse avrebbero preso. Il giorno di S. Antonino è designato a questa pratica come a pratiche simili a quelle della notte di S. Giovanni Battista.
U Purcidduzzu di S. Antoni si dice in molti comuni una conchiglia che si appendeva al collo dei bambini travagliati da vermini; ed in tutta l’isola viene chiamato così l’oniscus di Linneo, un insetto che abita nei luoghi umidi, grigio, ovale, con quattordici piedi.

Libro d’Ore di Catherine de Cleves 1440 circa The Morgan Library Museum

#ticuntu… 11 gennaro 1693 a Noto

L’ anno 1693 sotto il governo del viceré duca Uzeda successore del duca di S. Stefano , la notte del giorno di
venerdì nove gennaro ad ore quattro della nolte , Noto e la sua valle intese un gran scotimento di terra che rovinò molte fabbriche di quella città ; e vi morirono duecento e più individui. Li popolo notino la domani mattina corse alle pianure dentro e fuori Noto , e vi si trattenne a tutta la notte del sabato giorno dieci ; ma non essendosi inteso altro scotimento di terra , la mattina della domenica undeci gennaro ciascuno ritornò a casa sua. Alle ore diciasette s’ intese altro scotimento di terra , ma senza che fosse accaduto alcun danno. Il timore si accrebbe negli animi ; una voce che tra la plebe serpeggiava , diceva che il terremoto allo ore quaranta dovea sentirsi nuovamente ; e ch’ era espediente lo abbandonare le case , perchè la città sarebbe ita in rovina. Quindi fu che i cittadini tutti fuggirono , e corsero nuovamente alle pianure , onde porsi in salvo la vita. In quel medesimo giorno appena segnate le ore ventuno, compiendo le ore quaranta , a contare della prima scossa intesa nel giorno di venerdì , fuvvi un terzo scotimento di terra così terribile , a segno che la terra , come scrisse il p. Turtura , sembrava innalzarsi ed ondeggiare a guisa d’ un mare: i monti diroccarono ; e la città tutta in un momento crollò. Lo scotimento di terra , di cui parola , era della seconda spezie , mentovata da Aristotile e Plinio, cioè una pulsazione, o successione perpendicolare , dalla somiglianza del lor moto a quello del bollire. Osservazione che fu fatta dal nobile letterato Vincenzo Bonajuto , dal signor Harton e dal p. Alessandro Burgos ; non che dal p. Antonio Serravita quando accadde quel terremoto ; eglino si trovarono nelle vicinanze di Catania osservarono che il suolo si alzava da circa due
palmi. In Noto dunque morirono sotto le rovine da circa un migliajo di persone , tra i quali si contarono il preposito e parroco Francesco di Lorenzo ; i fratelli Bartolomeo e Stefano Landolina ; il primo , cantore della collegiata della matrice chiesa , il secondo, canonico arcidiacono della chiesa del santissimo Crocifisso ; ed altri non pochi della nobiltà e delle persone distinte. De’ plebei non pochi ne morirono sotto le rovine della chiesa de’ pp. Camiciani , ove erano entrati per levare l’ immagine della santissima Vergine , e condurla in processione sino al piano de’ pp. Cappuccini, ove il popolo era occorso per salvarsi. Un certo Corrado Alliotta clerico nel recarsi in villa a cavallo ad una giumenta , arrivato vicino la chiesa vecchia di s. Antonio delle Darbe, la terra gli si fendè sotto i piedi dell’ animale, e fu inghiottito dalla stessa. In quello scotimento
di terra , dacchè rovinarono tutti gli edificj , innalzossi una nuvola di polvere che soffocava gli astanti. Il cielo si ottenebrò , e si ebbero pioggia e grandine seguite da vento e tuoni ; e queste meteore proseguirono nel corso di tutta la notte, nella quale si contarono circa cento e dieci scotimenti di terra. A si terribil flagello il popolo notino non fece che implorare la divina misericordia. Il domani spuntato il sole , s inlese correre voce , che si dovea ciascuno allontanare , ed ire ad asilarsi tre miglia lungi dalla distrutta città , a motivo che il colle su del quale restavano le rovine, sarebbesi subissato , e si sarebbe formata una grandissima voragine. Atterriti com’ erano gì’ infelici notini , non riflettendo a nulla , se ne andarono tutti quanti per le campagne. Ciò che portò la trista conseguenza , che tanti sgraziati , che sebbene sotto a delle rovine trovavansi , e che si sarebbero salvati , laddove per avventura si sarebbero soccorsi , per mancanza di aiuti si morirono. I malvagi intanto trovandosi soli , si diedero a commettere de’ furti. Per causa di quel terremoto si mori il gesuita Antonio Marescalco in età di anni ottantotto : fu egli uno de’ più dotti notini del suo tempo. Scorsi alcuni giorni , i notini si animarono a ritornare nella distrutta città , e conobbero l’inganno nell’ essersi allontanati, per le rapine che si erano commesse nella lor assenza. Ciascuno alla meglio che potè , costruì con delle tavole la sua abitazione. Per effetto del terremoto i mulini s’ erano diroccati ; e quindi fu giuoco forza che i notini si fossero cibati di frumento bollito. I malvagi in quell’ incontro , nulla temendo , si diedero a dispreggiare la nobiltà, e le autorità , e proseguivano a rubare a man franca ; con commettere degli stupri. A riparare un tanto disordine , il viceré Uzeda scelse per vicario generale delle due desolate valli di Noto e Demone Giuseppe Lanza duca di Camastra , il quale porta cosi a visitare le città tutte danneggiate dal terremoto ; diede gli opportuni provvedimenti. La città di Noto allorchè in gennaro 1693 fu dal terremoto distrutta conteneva il monastero dell’ ordine de’ Circestiensi sotto titolo di s. Maria dell’ arco, il cui fondatore si fu s. Niccolò Moreggia notino ; il convento de’ pp. Minori conventuali ; il tempio di s. Elia : sopra la soglia della porta del quale v’ erano scritti questi versi :
Quae fuerant quondam moles operosa gigantum
Caeptus in hac vivens Haelias aede coli
Oltre al magnifico e forte castello, nel di cui cortile v’ era il gran tempio del ss. Crocifisso innalzato su di un gran ponte . Nel mezzo della piazza v’ era un’ altro gran tempio ch’ era la matrice chiesa sotto titolo di s. Niccolò vescovo , che fu edificato dai francesi con alto e maestoso campanile , che terminavano a forma di piramidi , su delle quali, in una vi era la statua della Vergine , e nell’ altra quella dell’ angelo Gabriele. Oltre al descritto convento de’ minori conventuali, si contavano altri dieci conventi , quello de’ pp. Predicatori fondato nel 1444 dal re Alfonso ; il convento de’ pp. Minori osservanti sotto titolo di s. Maria di Gesù ; quello de’ pp.Carmelitani , il quale aveva una bellissima chiesa ; quello de’ pp. Cappuccini sotto titolo di s. Antonio di Padova ; L’ oratorio de’ pp. di s. Filippo Neri sotto titolo di s. Catarina con maestoso tempio. Il collegio de’ pp. Gesuiti sotto titolo di s. Carlo Borromeo fondato da Carlo Giovante barone di Entello nel 1606 ; il convento de’ pp. Pavolotti; Io spedale de’ Benfratelii di s. Giovanni di Dio. Ed aveva tutti i monasteri di donne e reclusorj che di presente esistono nella moderna Noto. Vi erano inoltre in quella città trentaquattro chiese oltre di quelle da noi mentovate , delle quali cinque erano parrocchiali. Fuori della città v’ erano altre quattordici chiese. Aveva un seminario per la gioventù fondato nel 1654 da Giuseppe Ragusa. La città era decorata da due collegiate , cioè quella della madrice chiesa , e quella nella chiesa del santissimo Crocifisso , fondata quest’ ultima da Eleonora Landolina vedova di don Lopes Pons de’ Leon marchese di Terzano nel 1669. V’erano de’ magnifici palagi , tra i quali si distinguevano quello del marchese di Terzano D. Pietro Landolina barone di Belladia ; quello della famiglia Impellizzeri ; quello della famiglia Deodati ; della famiglia di Lorenzo , quello della famiglia Landolina ; della famiglia Sortino , ed altri non pochi. Nella piazza maggiore v’ era la casa senatoria. V’erano sei fonti ; uno nel piano del santissimo Crocifisso ; uno nel lato del monastero di s. Giuseppe nella piazza di s. Venera ; uno nel piano di S. Giovan Battista ; uno nella piazza maggiore laterale alla madrice chiesa ; ed uno nel piano del convento di s. Domenico. L’ acqua in detti. fonti vi si portava dalla sorgente nella contrada detta Ranidi , la quale scorrendo per acquidotti , perveniva nel castello per mezzo di archi , e si comunicava in quelli fonti. Inoltre nel basso de’ lati della città v’ erano delle fonti di limpidissima acqua , uno delli quali era detto Fontana grande. Quelle acque erano sì copiose che bastavano a dar moto ed attivavano diciotto mulini. Nel 1693 in Noto fiorivano le famiglie Landolina , Impellizzeri, Sortino , Cappello , e le famiglie di Deodato , Pepi , Cannizzaro , Arezzo , Salonia , Statella , Racedi ,Scarrozza , Prado , Borgia , Dilorenzo , Tagliaferro , e le famiglie Settimo , Calvo ; e molte altre. Si mantenevano le dette famiglie con lustro e decoro ; e non la cedevano ad alcuno in dovizie , nel seguito de’ servi , e nelle carrozze ; e queste erano al numero di trentacinque. Noto poco prima del terremoto del 1693 contava un clero di numero 120 preti ; 160 regolari. I nobili ascendevano al numero di 87 ; e tra questi si numerano quattro marchesi , e ventiquattro baroni ; duodeci dottori in legge: gli artegiani erano al numero di cinquecento. La popolazione di Noto nel 1630 val quanto dire anni 62 prima del tremuoto ammontava a ventisei mila ; che poi pella morìa si ridusse a dodici mila. Oltre al tremuoto di cui abbiamo ragionato ; nel medesimo anno 1693 in Noto fuvvi un epidemia , che ammazzò da circa tremila individui , tra’ quali il virtuoso giovane Giovan Battista Landolina e Salonia figlio di don Francesco, ed altri non pochi illustri personaggi si morirono per effetto di quell’ epidemia. Distrutta Noto dallo sconvolgimento di terra del giorno undici gennaro 1693 , si pensò a voler nuovamente riedificare la città. Il vicario generale duca di Camastra avea ordinato di rifabbricarsi nel sito istesso della distrutta città. Ma ciò non piacque a taluni notini ; chiesero un altro sito. Fu designata la valle del feudo delle mete. Ma il vicario generale ordinò di fabbricarsi la nuova città nel rialto di detto feudo delle mete , detto popolarmente il pianazzo. Indi fu destinato commessario generale Giuseppe Asmundo da Catania , il quale a domanda di taluni notini destinò il sito della nuova città nel poggio di detto pianazzo.
(Storia della città di Noto – Salvatore Russo Ferruggia – 1838)