#‎ticuntu‬… l’Autonomia della Sicilia

Nel febbraio 1944 gli Alleati riconsegnarono la Sicilia al governo italiano del Regno del Sud, che nominò un Alto commissario. Intanto, però, riprendeva forza l’antica tendenza all’indipendenza ed all’autogoverno, che nel secolo scorso aveva spinto i siciliani a chiedere il distacco dall’Italia. Si sviluppò il movimento separatista. Esso tenne agitata la vita dell’isola per diversi anni, finché si andò spegnendo, anche per l’istituzione, con il Decreto regio 15 maggio 1946, della Regione Siciliana, che concedeva lo statuto speciale d’autonomia. Nell’aprile del 1947 veniva eletto il primo parlamento siciliano, che il 30 maggio eleggeva il primo governo regionale. Oggi vogliamo ricordare la nostra Sicilia attraverso le parole dei poeti antichi e moderni.

Poesie sulla SICILIA

“Di te amore m’attrista,
mia terra, se oscuri profumi
perde la sera d’aranci,
o d’oleandri sereno,
cammina con rose il torrente
che quasi n’è tocca la foce.
ma se torno a tue rive
e dolce voce al canto
chiama da strada timorosa
non so se inerzia o amore,
ansia d’altri cieli mi volse,
e mi nascondo nelle perdute cose.”
Salvatore Quasimodo

“L’Italia senza la Sicilia non lascia immagine
nello spirito: la Sicilia è la chiave di tutto.”
Johann Wolfgang Goethe
– Viaggio in Italia –
(alla lettera datata “Palermo, venerdì 13 aprile 1787″)

“L’ Etna nevoso, colonna del cielo
d’acuto gelo perenne nutrice;
mugghiano dai suoi recessi
fonti purissime d’orrido fuoco,
fiumi nel giorno riservano
corrente fulva di fumo
e nella notte ròtola
rocce portando alla discesa
profonda del mare, con fragore.”
Pindaro
– Ode Pitica –

“Sai tu isola bella, a le cui rive
manda Jonio i fragranti ultimi baci,
nel cui sereno mar Galatea vive
e su’ monti Aci?”
Giosuè Carducci
– Primavere Elleniche –

“Giusto è che questa terra,di tante bellezze superba,
alle genti si addìti e molto si ammiri,
opulenta d’invidiati beni
e ricca di nobili spiriti…..”
Lucrezio
– De rerum natura –

Sicilia Patria mia – Inno siciliano – testo di Massimo Costa musica di Carlo Muratori
“Jardinu di bidhizza e di splinnuri,
isula jittata ‘n-menzu di lu mari,
terra filici chî so tanti ciuri,
nun n’abbàstanu l’occhi pi taliari.
Cca li tri Cuntinenti s’incuntraru
pi dàrisi la manu o pi luttari,
Adi e Pirsèfuni si maritaru;
amuri e sangu sempri a cuntrastari.
Sicilia, Sicilia, tutti cèrcanu a idha,
Sicilia, Sicilia, di civirtati stidha,
china di luci e vita,
amuri e fantasìa,
Sicilia, Sicilia, Tu si’ la Patria mia.
Cca vìnniru li Greci e Saracini
chi s’immiscaru poi cu li Nurmanni:
un Populu chi senza li catini
avìa un Regnu riccu, forti e granni.
A cu’ la mala signurìa ni detti
dèttimu cu lu Vespru na lizioni; *
arrispunemu juncènnunni tutti
e tannu addivintamu na Nazioni.
Sicilia, Sicilia, tutti cèrcanu a idha,
Sicilia, Sicilia, di civirtati stidha,
china di luci e vita,
amuri e fantasìa,
Sicilia, Sicilia, Tu si’ la Patria mia.
Cu Garibaldi la Sicilia critti
d’avìrinni ricchizza e libirtati;
n’arrispunneru cu li bajunitti,
emigrazioni, mafia e puvirtati.
Mentri parìa ca jìamu tutt’ ô funnu
si senti un gridu di l’antichi tempi;
dici ‘a Sicilia ‘n-faccia a tuttu ‘u munnu:
“Nuatri semu un Populu pi sempri!”
Sicilia, Sicilia, tutti cèrcanu a idha,
Sicilia, Sicilia, di civirtati stidha,
china di luci e vita,
amuri e fantasìa,
Sicilia, Sicilia, Tu si’ la Patria mia.”