#‎ticuntu‬… I morti di Avola

‪Alla fine degli anni Sessanta la società rurale siciliana era caratterizzata da forti squilibri sociali e da un pesante sfruttamento dei lavoratori agricoli. I contadini per diventare proprietari dei fondi loro assegnati dopo l’esproprio, dovevano pagare per trent’anni una rata mensile, che in alcuni casi si rivelò troppo onerosa. Crebbe così il divario fra imprese capitalistiche e piccole aziende e in molte aree crebbe il degrado. Nel ’68-69 le masse meridionali parteciparono alla più generale rivolta in atto in tutto il paese, che coinvolse fabbriche, scuole, campagne culminando con l’autunno caldo del 1969. Nel sud si chiedevano in particolare, oltre ad aumenti salariali, la revisione delle norme del collocamento – l’eliminazione della figura del caporale e dell’ingaggio della manodopera in piazza – e l’abolizione delle “gabbie salariali”, in virtù delle quali un lavoratore con la stessa qualifica al nord guadagnava di più che al sud. La lotta intrapresa dai lavoratori agricoli della provincia di Siracusa il 24 novembre 1968, a cui partecipano i braccianti di Avola, rivendicava l’aumento della paga giornaliera, l’eliminazione delle differenze salariali e di orario fra le due zone nelle quali era divisa la provincia, l’introduzione di una normativa atta a garantire il rispetto dei contratti, l’avvio delle commissioni paritetiche di controllo, strappate con la lotta nel 1966 ma mai messe in funzione. Gli agrari rifiutano di trattare sull’orario e le commissioni. Lo sciopero prosegue. Il prefetto di Siracusa convoca di nuovo le parti, ma per due volte gli agrari non si presentano. La tensione sale. I braccianti effettuano blocchi stradali caricati dalla polizia. Il 2 dicembre 1968 Avola partecipa in massa allo sciopero generale. I braccianti iniziano dalla notte i blocchi stradali sulla statale per Noto, gli operai sono al loro fianco. Nella mattinata arrivano donne e bambini. Intorno alle 14 il vicequestore di Siracusa, Samperisi, ordina al reparto Celere giunto da Catania di attaccare. La polizia lancia lacrimogeni, ma per effetto del vento il fumo gli torna contro. Divenuti bersaglio di una fitta sassaiola, i militi sparano sulla folla. I manifestanti pensano siano colpi a salve, finché non vedono i loro compagni cadere. Il bilancio è di due braccianti morti, Angelo Sigona e Giuseppe Scibilia, e 48 feriti, di cui 5 gravi: Salvatore Agostino, detto Sebastiano, Giuseppe Buscemi, Giorgio Garofalo, Paolo Caldaretta, Antonino Gianò. Sul posto furono trovati quasi tre chili di bossoli. Verso mezzanotte il ministro dell’Interno Restivo convoca una riunione fra agrari e sindacalisti, che dura fino al giorno dopo. Il contratto viene firmato, le richieste dei braccianti sono state accolte. I fatti di Avola accelerano la formazione del nuovo governo di centrosinistra e la saldatura fra le lotte di operai e studenti. La sera del 7 dicembre all’inaugurazione della stagione lirica del Teatro della Scala, a Milano, uova e cachi sono lanciati contro le signore impellicciate. Viene alzato un cartello con su scritto: I braccianti di Avola vi augurano buon divertimento. I manifestanti tengono veloci comizi per ricordare ai poliziotti le loro origini proletarie. Nel gennaio 1969, 163 denunce si abbattono su braccianti e sindacalisti per il blocco stradale. Nel 1970 vengono spiccati 85 mandati di comparizione per i fatti del 2 dicembre e 60 per lotte precedenti. La destituzione del questore Politi servì per gettare fumo negli occhi di quanti chiedevano giustizia. Il prefetto, che aveva responsabilità maggiori, rimase al suo posto e fu promosso. Nessuno ha pagato per l’eccidio di Avola, l’inchiesta giudiziaria fu archiviata nel novembre 1970, poi arrivò l’amnistia per i lavoratori. (di Paola Staccioli )