#‎ticuntu‬… eravamo emigranti!

Questa volta voglio parlarvi di emigrazione, ma di quelle emigrazioni che videro parecchi siciliani coinvolti agli inizi del novecento. Fame e carestia portarono i nostri avi a cercar fortuna altrove, oltre l’oceano.
Allegherò due momenti che descrivono ciò:
1) la prima è un estratto della relazione dell’Ispettorato del Lavoro americano fornitami da Santo Trovato che ringrazio pubblicamente:
“Generalmente sono di pelle scura, e molti di loro puzzano perché tengono lo stesso vestito per molte settimane.
Si costruiscono baracche di legno ed alluminio nelle periferie delle città dove vivono, vicini gli uni agli altri.
Quando riescono ad avvicinarsi al centro affittano a caro prezzo appartamenti fatiscenti.
Si presentano di solito in due e cercano una stanza con l’uso della cucina. Dopo pochi giorni diventano quattro, sei, dieci.
Tra loro parlano lingue a noi incomprensibili, probabilmente antichi dialetti.
Molti bambini vengono utilizzati per chiedere l’elemosina ma, sovente, davanti alle chiese si trovano anche donne vestite di scuro e uomini quasi sempre anziani, che invocano pietà con toni lamentosi e petulanti.
Dicono che siano dediti al furto e, se ostacolati, violenti.
Le donne li evitano non solo perché poco attraenti e selvatici, ma perché si è diffusa la voce di alcuni stupri consumati dopo agguati in strade periferiche quando le nostre donne tornano dal lavoro.
I nostri governanti hanno aperto troppo gli ingressi alle frontiere ma, soprattutto, non hanno saputo selezionare tra coloro che entrano nel nostro Paese per lavorare e quelli che pensano di vivere di espedienti o, addirittura, attività criminali…” – Tratto dalla Relazione dell’Ispettorato del Lavoro inviata al Congresso degli Stati Uniti, in riferimento agli immigrati italiani in America – Ottobre 1919.


2) la seconda è il monologo di Vanna Polizzi tratta dal lavoro teatrale “Fimmini di Sicilia” di Davide A.S. Gullotta andato in scena nel 2014 ed interpretato da Mary Fichera e Giusy Vinciguerra.
Vanna:
– Mi chiamo Giovanna Polizzi ma a casa mi sannu sentiri Vanna. Sugnu mugghieri di Turi Catalano e aiu setti figghi tutti nichi. Campamu di sula terra e quannu isamu l’occhi ‘ncielu mi scaldu stu cori arido di fatichi. Cca c’è u suli… ma comu campamu? Di suli? Turi seppi da canuscenti ca c’è ‘npaisi luntanu ca si chiama Merica e ddocu, riciunu, si travagghia e si po pinsari a ddarici u pani e me figghi. E daccussì sa pinsau e cu picca soddi pattiu ppi la Merica quattr’anni fa. Ricordu ancora , co ruppu alla gola, a partenza di Turi ne primi ore do matinu. Passava pa potta tante vote e tante vote tunnava arreri picchì u core ci diceva ca s’ava scuddatu occa cosa e ogni vota era a scusa ppi vasarimi. Ma u me cori mi diceva ca nun avissi cchiu vistu a me maritu. Partiu ppi Palermo ma arrivato o portu ci dissero di cunnuttarisi ppi na para di jorna picchì, disseru, l’avanu sistemari in locande in attesa di farici a visita medica. U me Turi è forti… ma picchì farici a visita medica? Ci cuntrullaru i denti e l’occhi… comu i cavaddi e arripiteru a visita ppi tre gghiorna di segutu. Arrivau u jornu di partiri e ‘s’ambarcau su piroscufu. Mi scrissi ca era circondato de valiggi e ‘nsemi all’autri facevamo a fila p’acchianari. Appi paura picchì pinsava a comu faceva ddu cosu enormi a stari a galla ppi tutti di gran jorna. U viaggiu durau 15 jorna. Ogni jorna Turi mangiau suppa, e passava i jurnati ‘ndo ponti di terza classi a jucari a mangiari i spaghetti che mani legati arreri oppure jucannu o jocu do barili. Mi cuntau ca un tremendo temporale s’abbattiu supra a navi. Comu suggi ‘n trappola stavunu ‘nde letti di ferro mentre a navi furriava ppe l’arca e la Merca. Traseva l’acqua ‘nda le finestre e Turi ciccau di ‘ntuppare che i vistiti. Eppi paura u me Turi… mu scrissi!… ju nun sacciu leggiri ed ogni vota chiamo donna Giuseppina che avi so marito ca sta a la merica e pattiu tri anni prima di Turi. Idda sta sempre ccu mia. Avi paura dde masculi ca ci sunu ‘npaisi. Anzi mi dissi di stari accura a me figghia Cettina picchì a visti parrari cu un carusu da so età. Ju nun ci dissi nenti a Giusippina, ma Cittina mi cuntau ca stu carusiddu ci piaci, ci fa l’amuri, ci batti u cori forti forti. Ah l’amuri fossi ca fossi Cettina sta criscennu! Giuseppina mi cuntau ca so maritu s’imbarcau clandistinu e comu un suggi a notti nisceva circannu mangiari. “Gesu! chi vita ‘ndo piroscufu”. Mi cuntau anche ca na vota ca s’arriva a Ellis Island è importanti parrari na lingua straniera ca non è talianu. Mi fici arriri picchì so maritu ci dissi che i jammi veri sicchi voldiri sugnu molto malatu. Ci u fici scriviri a Turi e iddu mi dissi ca su tutti fissirii. Mah! Turi arrivau a Ellis Island e ci ficiru ppi 40 jorna visiti medichi. Mi cuntau cca na para di amici sò appero turnare in sicilia. U me Turi è forti e arrinisciu a superari. Mi cuntau cca se parteva macari ju mi fineva ca fossi ni dividevono accussì comu finiu a marito e mugghieri ca furuno divisi e non si sappi nenti. Gesù! E daccussì u me Turi travagghia in questa Merica. Ogni tanto mi manda i soddi ma ju risparmio cu tutti i me figghi e travagghiu a orate ‘nda famigghia benestante. Ogni sira m’assettu cca ‘nda sta seggia e recito u rosario a Maria Vergine. Parru cca Maronna e ci raccumannu u me Turi!… mi manca me maritu… ppi ddaveru… a sira, ddoppo u rosariu, iddu s’assittava cca e sonava u friscalettu addumannu a nuttata cca so alligria… E’ allegru u me Turi… non ci vosi diri nenti ca mossi Ninuzzu, ddoppo na tussi ca nessuna miricina curau… Era u nicu… era beddu come so patri… u Signuri mu vosi luvari picchì n’aveva a forza ppi campari. In sta terra ci volunu brazza forti e curaggiusi… chista non è terra ppi debuli… A stamatina arrivau na littra… non è a scrittura di Turi… chista è di luntanu e non è a scrittura di Turi… Aspittamu donna Giusippina cca ma leggi… (Fimmini di Sicilia – Davide Gullotta)

Vorrei aggiungere a questo post una testimonianza rilasciata da una fan della pagina Ti cuntu:
Marinella Pizzino scrive: “Introduco una mia storia personale. Mio nonno giovanissimo si sposò con mia nonna, nacque mia madre; dopo circa nove mesi parti’ clandestino per l’America dove lavorava e riuscì pure a costruire una casa. Scriveva sempre e voleva mandate le foto di mia madre, le inviava bei vestiti e soldi e voleva che lo raggiungesse in America, perché lui non poteva tornare. Il fato volle che si ammalasse e che a soli quarant’anni morisse. Ricordo gli occhi tristi di mia nonna e quelli di mia madre che ancora tiene una grande foto di un bellissimo ragazzo che suona una chitarra, solo questo le è rimasto. Ci sono stati tempi durissimi, solo la grande saggezza e religiosità che queste donne avevano è riuscita a dare loro la forza per sopravvivere”.