#‎ticuntu‬… eravamo emigranti!

Questa volta voglio parlarvi di emigrazione, ma di quelle emigrazioni che videro parecchi siciliani coinvolti agli inizi del novecento. Fame e carestia portarono i nostri avi a cercar fortuna altrove, oltre l’oceano.
Allegherò due momenti che descrivono ciò:
1) la prima è un estratto della relazione dell’Ispettorato del Lavoro americano fornitami da Santo Trovato che ringrazio pubblicamente:
“Generalmente sono di pelle scura, e molti di loro puzzano perché tengono lo stesso vestito per molte settimane.
Si costruiscono baracche di legno ed alluminio nelle periferie delle città dove vivono, vicini gli uni agli altri.
Quando riescono ad avvicinarsi al centro affittano a caro prezzo appartamenti fatiscenti.
Si presentano di solito in due e cercano una stanza con l’uso della cucina. Dopo pochi giorni diventano quattro, sei, dieci.
Tra loro parlano lingue a noi incomprensibili, probabilmente antichi dialetti.
Molti bambini vengono utilizzati per chiedere l’elemosina ma, sovente, davanti alle chiese si trovano anche donne vestite di scuro e uomini quasi sempre anziani, che invocano pietà con toni lamentosi e petulanti.
Dicono che siano dediti al furto e, se ostacolati, violenti.
Le donne li evitano non solo perché poco attraenti e selvatici, ma perché si è diffusa la voce di alcuni stupri consumati dopo agguati in strade periferiche quando le nostre donne tornano dal lavoro.
I nostri governanti hanno aperto troppo gli ingressi alle frontiere ma, soprattutto, non hanno saputo selezionare tra coloro che entrano nel nostro Paese per lavorare e quelli che pensano di vivere di espedienti o, addirittura, attività criminali…” – Tratto dalla Relazione dell’Ispettorato del Lavoro inviata al Congresso degli Stati Uniti, in riferimento agli immigrati italiani in America – Ottobre 1919.


2) la seconda è il monologo di Vanna Polizzi tratta dal lavoro teatrale “Fimmini di Sicilia” di Davide A.S. Gullotta andato in scena nel 2014 ed interpretato da Mary Fichera e Giusy Vinciguerra.
Vanna:
– Mi chiamo Giovanna Polizzi ma a casa mi sannu sentiri Vanna. Sugnu mugghieri di Turi Catalano e aiu setti figghi tutti nichi. Campamu di sula terra e quannu isamu l’occhi ‘ncielu mi scaldu stu cori arido di fatichi. Cca c’è u suli… ma comu campamu? Di suli? Turi seppi da canuscenti ca c’è ‘npaisi luntanu ca si chiama Merica e ddocu, riciunu, si travagghia e si po pinsari a ddarici u pani e me figghi. E daccussì sa pinsau e cu picca soddi pattiu ppi la Merica quattr’anni fa. Ricordu ancora , co ruppu alla gola, a partenza di Turi ne primi ore do matinu. Passava pa potta tante vote e tante vote tunnava arreri picchì u core ci diceva ca s’ava scuddatu occa cosa e ogni vota era a scusa ppi vasarimi. Ma u me cori mi diceva ca nun avissi cchiu vistu a me maritu. Partiu ppi Palermo ma arrivato o portu ci dissero di cunnuttarisi ppi na para di jorna picchì, disseru, l’avanu sistemari in locande in attesa di farici a visita medica. U me Turi è forti… ma picchì farici a visita medica? Ci cuntrullaru i denti e l’occhi… comu i cavaddi e arripiteru a visita ppi tre gghiorna di segutu. Arrivau u jornu di partiri e ‘s’ambarcau su piroscufu. Mi scrissi ca era circondato de valiggi e ‘nsemi all’autri facevamo a fila p’acchianari. Appi paura picchì pinsava a comu faceva ddu cosu enormi a stari a galla ppi tutti di gran jorna. U viaggiu durau 15 jorna. Ogni jorna Turi mangiau suppa, e passava i jurnati ‘ndo ponti di terza classi a jucari a mangiari i spaghetti che mani legati arreri oppure jucannu o jocu do barili. Mi cuntau ca un tremendo temporale s’abbattiu supra a navi. Comu suggi ‘n trappola stavunu ‘nde letti di ferro mentre a navi furriava ppe l’arca e la Merca. Traseva l’acqua ‘nda le finestre e Turi ciccau di ‘ntuppare che i vistiti. Eppi paura u me Turi… mu scrissi!… ju nun sacciu leggiri ed ogni vota chiamo donna Giuseppina che avi so marito ca sta a la merica e pattiu tri anni prima di Turi. Idda sta sempre ccu mia. Avi paura dde masculi ca ci sunu ‘npaisi. Anzi mi dissi di stari accura a me figghia Cettina picchì a visti parrari cu un carusu da so età. Ju nun ci dissi nenti a Giusippina, ma Cittina mi cuntau ca stu carusiddu ci piaci, ci fa l’amuri, ci batti u cori forti forti. Ah l’amuri fossi ca fossi Cettina sta criscennu! Giuseppina mi cuntau ca so maritu s’imbarcau clandistinu e comu un suggi a notti nisceva circannu mangiari. “Gesu! chi vita ‘ndo piroscufu”. Mi cuntau anche ca na vota ca s’arriva a Ellis Island è importanti parrari na lingua straniera ca non è talianu. Mi fici arriri picchì so maritu ci dissi che i jammi veri sicchi voldiri sugnu molto malatu. Ci u fici scriviri a Turi e iddu mi dissi ca su tutti fissirii. Mah! Turi arrivau a Ellis Island e ci ficiru ppi 40 jorna visiti medichi. Mi cuntau cca na para di amici sò appero turnare in sicilia. U me Turi è forti e arrinisciu a superari. Mi cuntau cca se parteva macari ju mi fineva ca fossi ni dividevono accussì comu finiu a marito e mugghieri ca furuno divisi e non si sappi nenti. Gesù! E daccussì u me Turi travagghia in questa Merica. Ogni tanto mi manda i soddi ma ju risparmio cu tutti i me figghi e travagghiu a orate ‘nda famigghia benestante. Ogni sira m’assettu cca ‘nda sta seggia e recito u rosario a Maria Vergine. Parru cca Maronna e ci raccumannu u me Turi!… mi manca me maritu… ppi ddaveru… a sira, ddoppo u rosariu, iddu s’assittava cca e sonava u friscalettu addumannu a nuttata cca so alligria… E’ allegru u me Turi… non ci vosi diri nenti ca mossi Ninuzzu, ddoppo na tussi ca nessuna miricina curau… Era u nicu… era beddu come so patri… u Signuri mu vosi luvari picchì n’aveva a forza ppi campari. In sta terra ci volunu brazza forti e curaggiusi… chista non è terra ppi debuli… A stamatina arrivau na littra… non è a scrittura di Turi… chista è di luntanu e non è a scrittura di Turi… Aspittamu donna Giusippina cca ma leggi… (Fimmini di Sicilia – Davide Gullotta)

Vorrei aggiungere a questo post una testimonianza rilasciata da una fan della pagina Ti cuntu:
Marinella Pizzino scrive: “Introduco una mia storia personale. Mio nonno giovanissimo si sposò con mia nonna, nacque mia madre; dopo circa nove mesi parti’ clandestino per l’America dove lavorava e riuscì pure a costruire una casa. Scriveva sempre e voleva mandate le foto di mia madre, le inviava bei vestiti e soldi e voleva che lo raggiungesse in America, perché lui non poteva tornare. Il fato volle che si ammalasse e che a soli quarant’anni morisse. Ricordo gli occhi tristi di mia nonna e quelli di mia madre che ancora tiene una grande foto di un bellissimo ragazzo che suona una chitarra, solo questo le è rimasto. Ci sono stati tempi durissimi, solo la grande saggezza e religiosità che queste donne avevano è riuscita a dare loro la forza per sopravvivere”.

#‎ticuntu‬… vuci da Sicilia

Salvatore Di Stefano, giovane carabiniere siciliano, dovette lasciare l’Arma all’eta’ di ventisei anni per poter sposare Angela Gentile, sarta di Siracusa. Dalla loro unione nasce a Motta Santa Anastasia, a pochi chilometri da Catania, Giuseppe Di Stefano, primo ed unico figlio, il 24 Luglio 1921. Le difficoltà economiche e la prospettiva di una vita migliore suggeriscono, alla famiglia Di Stefano nel 1927, il trasferimento a Milano, nel popolare quartiere di Porta Ticinese, dove il padre si adeguo’ al mestiere di calzolaio e la madre contribui’ con lavori di sartoria al sostentamento della famiglia.

Nel 1934 frequentando la Scuola magistrale presso il Seminario Arcivescovile San Arialdo in Duomo a Milano Giuseppe iniziò a cantare nel coro. Tra gli amici incontra Danilo Fois, studente di legge, che subito intuisce le potenzialita’ della sua voce e si offre di finanziare le prime lezioni di canto. Una amicizia questa che è durata tutta la loro vita. Nel 1941, chiamato alle armi dopo un breve periodo nel Centro addestramento reclute di Frugarolo, venne arruolato nel Battaglione Mortai del 37° Reggimento di Fanteria – Divisione Ravenna di stanza ad Alessandria con l’incarico di Assistente di Sanita’. Il Reggimento Parte per la campagna di Russia. Giuseppe non avendo dimostrato grandi attitudini militari ed in considerazione delle non buone condizioni di salute, il suo diretto superiore, il Tenente Medico Giovanni Tartaglione prese la decisione di lasciarlo a casa salvandogli così la vita ( un gran numero di suoi commilitoni, compreso il Tenente, non fecero più ritorno a casa ). Il ricordo di questo Ufficiale dell’Esercito Italiano lo ha accompagnato per tutta la vita. Spingendolo in seguito a voler conoscere la sua famiglia e conservando sempre una sua foto sulla scrivania… e così in convalescenza a Milano, con il nome d’arte di Nino Florio, per sbarcare il lunario, inizia a cantare canzonette in vari teatri e locali di Milano riscuotendo un certo successo e soprattutto iniziando a scoprire il suo talento.

L’8 settembre 1943 trovandosi in Svizzera , colse l’occasione, dietro suggerimento di uno stesso gendarme elvetico, di non fare rientro in Italia . Alcuni amici lo seguirono e per questo gli furono riconoscenti tutta la vita. Lì viene internato nel campo di raccolta di Faido (San Gottardo) dove la sua passione per il canto attirò l’attenzione di alcuni appassionati locali che lo proposero a Radio Losanna dove , dopo una prova, lo scritturarono per un Elisir d’amore di cui esiste ancora una registrazione. Altri trasmissioni che seguirono e una serie di incisioni stanno a testimoniare il talento.

Nel 1945 ritorna in Italia dove inizia a dedicarsi seriamente allo studio del canto. Nel 1949 Sposa a New York Maria Girolami, studentessa di canto, dalla quale avrà tre figli: Giuseppe 1952, Luisa 1953-1975, Floria 1957. Un matrimonio felice durato più di 25 anni durante i quali prese casa a Milano, a New York , a Marina di Ravenna, a Roma e di nuovo a Milano seguendo le esigenze della sua attività. Particolare risonanza nei primi anni 70 ebbe il suo rapporto con Maria Callas , collega privilegiata, che ritrovò a New York sola e reduce da delusioni affettive . Maria si lasciò contagiare dal suo entusiasmo e dalla sua forza vitale e decise di ritornare sul palcoscenico per una serie di concerti in Germania – Regno Unito – Francia – Stati Uniti – Giappone – Korea – Australia e Nuova Zelanda. Questi eventi riscossero un grande successo, se non dal punto di vista artistico, sicuramente da quello affettivo, dando ad una folla di ammiratori che li amavano attraverso le sole incisioni , l’opportunita’ ed il privilegio di vederli ed ascoltarli dal vivo.

Nel 1975 un male incurabile lo privo’ dell’affetto della sua adorata figlia Luisa. Tragedia questa che segno’ la sua vita e che lascio’ da allora una nota di velata malinconia nel suo carattere notoriamente espansivo ed estroverso. I grandi dolori talvolta uniscono , altre invece portano ad un progressivo allontanamento dagli affetti coniugali. Fu questa la ragione per la quale nel 1976 si divise consensualmente dalla prima moglie Maria Girolami. Nel 1977 in occasione di una sua tournee in Germania conobbe Monika Curth , giovane e bella soprano di Amburgo che sposo’ a Roma e che da allora lo accompagnò sui palcoscenici e nella vita con assoluta devozione.

Gli ultimi anni della sua vita trascorsero tra il Kenya e la Brianza , circondato dalla simpatia dei suoi numerosi amici, dalla stima degli ammiratori, dall’amore dei figli e dei nipoti e dalle premurose attenzioni della moglie Monika. Una crudele fatalita’ ha voluto che nel dicembre 2004 le conseguenze di una brutale aggressione subita nella sua casa di Diani in Kenia, dove amava passare i mesi invernali , lo abbiano lasciato in condizioni tali da rendergli impossibile il contatto con tutto il mondo di affetto, ammirazione e stima che continuava a circondarlo. Dal 3 marzo 2008 riposa nel piccolo cimitero di Santa Maria Hoe’ (LC) vicino a sua Madre Angelina.
(tratto dal sito ufficiale www.giuseppedistefano.it)

#‎ticuntu‬… lettera dal fronte

Zona di guerra 22 novembre 1915
Papà amato,
sto bene; sono arrivato là dove tuona il cannone. La neve è alta quanto non l’avevo vista mai in vita mia. Eppure si cammina in mezzo ad essa come su terreno piano. Che bel divertimento, starsene da queste parti, in mezzo a tanta neve, e tra lo scoppiar di qualche grossa granata! I nostri pezzi combinano un’armonia divertente assai; e difeso da questi, spero di fare il mio dovere. Animo, che sia scritto tutto quello che deve avvenire. Per ora si va avanti.
Sto meglio di come non stavo costì, ma mi trovo là… dove molto si percote. Se avessi un’idea di quello che succede qui, e di come mi ci sono uniformato, “come se l’avessi passata sempre qui la mia vita!” ti metteresti a ridere! Già non so quello che mi succede all’intorno: i cannoni sparano e lanciano certe caramelle che fanno un rumore assordante. La neve è alta: la temperatura bassa: figurati 18 sotto zero. Si avanza. Se mi accadesse qualche disgrazia, ricordati di mia madre. Per ora basta di questo. Sono stanco e confuso. Ti scriverò appena potrò.
Francesco Gesualdo

(Nacque a Mazzarino il 9 agosto 1895; finite le scuole elementari si iscrisse al ginnasio di Piazza Amerina, e poi al Liceo di Caltanissetta ove conseguì brillantemente la licenza liceale nell’anno scolastico 1913-14. Nel 1915 si iscrisse alla facoltà di giurisprudenza dell’Università di Roma. Sognava di diventare un avvocato, un magistrato, per mettere la sua opera a difesa degli umili, di quegli umili che lui conosceva per nascita e per vita, in pari tempo faceva tutti gli sforzi per esserne degno e studiava e si migliorava, si perfezionava instancabilmente, rimordendogli del tempo poche volte speso malamente. A vent’anni si doleva di essere a carico dei suoi, e a Roma intendeva trovarsi una occupazione che gli consentisse di vivere con le proprie forze e senza dover ricorrere all’aiuto paterno. Nel luglio 1915 lo vediamo allievo ufficiale a Palermo e nel novembre dello stesso anno è già sottotenente di fanteria a Col di Lana, sulla cima delle Dolomiti a quota 2464, in zona di guerra. Dopo due lunghi anni di guerra cadde eroicamente sulla Bainsizza, altopiano della Venezia Giulia, in provincia di Gorizia, il 25 agosto 1917, convinto fermamente che « non avrebbe potuto chiudere la sua esistenza in modo migliore ». Il Ministero della Guerra gli conferì la medaglia d’argento al valor militare, e ‘l’Università di Roma la laurea ad honorem. La sua Mazzarino gli dedicò una piazza. )

#‎ticuntu‬… la paura della grande guerra

[…] Era un ragazzo ancora imberbe, con un viso bianco e roseo che pareva una mela, con occhi chiari, pieni di stupore. Pochissimo amante dei lavori manuali, tutte le volte che bisognava adoperare la piccozza e il badile rispondeva invariabilmente:
“Songo malato!” ma Alfani, che conosceva uno per uno tutti i suoi uomini, sapeva di poter fare assegnamento sulla prontezza e il coraggio dell’infingardo quando era il momento di affrontare i nemici. «Caletti, stammi bene attento, perché quei brutti ceffi si sono destati di malumore, stamattina.»
«Non dubita, sor tenente.»
«Apri bene gli occhi, e a posto!»
Di momento in momento il chiarore del giorno cresceva: il cielo dell’alba luceva come uno specchio freddo e terso; solo un fiocco di nuvolaglia, lungo e sottile, strisciava a guisa d’un serpe sul muraglione del Montemolon e s’insinuava fra le due Grise.
«El promett on’altra gran bella giornada» osservò il sergente.
«Non tanto. Quella bambagia lì non è buon segno.»
Riportando lo sguardo sul terreno fronteggiante la trincea, Alfani vide il soldato uscire dal camminamento col fucile a bilanciarm e procedere fra le asperità del passo scoperto, curvandosi appena, con la sicurezza che gli veniva dalla lunga pratica e dalla tranquillità dei nemici. «No! No!» voleva gridargli, poiché i nemici s’eran destati. «Più basso!…Copriti!»
E parve veramente che Caletti avesse udito le parole pensate dal suo tenente; perché, dinanzi all’ultimo tratto, il più pericoloso, si fermò un momento; poi si buttò in ginocchio, s’allungò e strisciò su per la breve erta, verso la piazzola. Giuntovi vicino, levò un poco il capo, forse nell’udirsi chiamare dal compagno che veniva a rilevare; ma allora, improvvisamente, al sinistro ta-pum d’una fucilata, il corpo s’accasciò.
«Porci Croati!»
L’ufficiale non aveva ancora finito di esprimere il suo rancore, che un altro colpo rintronò: ta-pum!
«E due!» disse una voce.
«Visentini!» esclamò il sergente. «Come, Visentini?… Che ti salta?»
«L’ha minga vist? El Visentini el s’è movu’, l’ha miss foeura el coo!… G’han tiraa anca a lu!»
Alfani strinse il pugno ed affissò lo sguardo torvo sulla linea nemica, come cercando il punto dove poter ritorcere i colpi.
«Capoposto!» chiamò rivoltandosi. «Manda chi viene dopo.»
«Siconna squadra; nummero uno d’ ’o primmo turno!» […]

(tratto da “LA PAURA” di Federico de Roberto)

#‎ticuntu‬… la grande guerra

A Catania, Il 24 aprile 1915 una imponente manifestazione patriottica di studenti, al grido di “Abbasso l’Austria”, si avviò verso il Consolato austriaco, un forte contingente di forza pubblica impedì ai dimostranti di proseguire oltre. Il 14 maggio si ebbe un’altra dimostrazione degli studenti. Disertarono le aule dandosi convegno in piazza Dante e proclamando lo sciopero generale. In colonna attraverso la via Lincoln (oggi via di Sangiuliano), raggiunsero via Etnea, dirigendosi verso il consolato austro ungarico. Gli agenti si scagliarono in maniera feroce contro i giovani investendoli e ferendoli. Un cittadino grondante di sangue gridò: “Vergognatevi, siti chiù sanguinari dill’assassini austriaci. Semu taliani, vata luvari u cappeddu!

La battaglia fu violenta. L’obiettivo era quello di impossessarsi dello stemma. Ma essendo molto alto si ebbe l’idea di usare l’inchiostro. In una cartoleria vicina furono acquistati tutti i calamai che furono lanciati contro lo stemma. E così l’aquila bicipite scomparve in un mare di inchiostro. Anche in piazza Mazzini ci furono disordini perchè lì vi era la sede del consolato germanico. Gli studenti, in via Etnea, alla fine ebbero libertà di azione. Strapparono lo stemma del consolato austriaco ammaccandolo e distruggendolo. Il pezzo più grosso venne issato su un bastone e usato come vessillo al grido di Abbasso la Germania.

Il sindaco Gaetano Majorana stampò un manifesto dove con toni pacati volle calmare gli animi dei dimostranti:” Cittadini, l’amore per la nostra grande Patria qui , come altrove, ha oggi determinato vive esplosioni di risentimento. Comprendiamo e dividiamo lo sdegno e il timore di quanti generosamente sono turbati dai nuovi indirizzi di politica soverchiamente prudenti, che condurrebbero la Nazione alla inferiorità morale di tempi ormai passati, e che frustrerebbero insieme alle antiche mai dimenticate aspirazioni tutti i non pochi e non lievi sacrifici serenamente sopportati per la preparazione militare. […] Aspettando che si decidano le sorti dell’Italia, come il popolo ha proclamato, noi rivolgiamo a voi, cittadini, vivissima preghiera di rispettare le prossime definitive decisioni”.

E così il 24 maggio 1915 scoppiò la guerra. La città di Catania con le manifestazioni degli interventisti aveva dato il suo contributo alla causa. De Felice, pur militando nelle file del socialismo, si era votato per le file interventiste. Sin dal 28 maggio la città si fasciò di tenebre per rendersi invisibile per senso di prudenza. Mancava la luce. Su decreto del prefetto Lualdi, il sindaco Majorana vietava l’accensione dei fanali a gas lungo le vie adiacenti al mare. Alcune vie come Duca degli Abruzzi, XX settembre, Etnea, già illuminate a luce elettrica dovettero accendere una lampada ogni cinque, mentre in via Lincoln e Vittorio Emanuele un fanale a gas ogni cinque. Nelle altre vie e nei sobborghi solo a metà. Il porto e le coste totalmente al buio. Su direttive governative venne istituita la CENSURA sui quotidiani italiani.

Molti battaglioni appartenenti al 4° e al 146° reggimento partirono senza essere salutati dalla cittadinanza data l’urgente richiesta di uomini al confine. Solo il 4 giugno un battaglione in assetto di guerra venne fatto sfilare dalla caserma dei Cappuccini per via Etnea, diretto alla stazione. Lì si ebbero scene commoventi , tanti e ripetuti a lungo furono gli abbracci tra i soldati e le famiglie, interrotti solo dallo sbuffo della locomotiva che lentamente partì coprendo con il fumo quei visi gonfi di lacrime.

E così i siciliani si resero ben presto conto di quanto crudele fosse quella guerra lontana, di lì a poco arrivarono le notizie dei primi caduti e con essi le medaglie al valore.

#‎ticuntu‬… l’Autonomia della Sicilia

Nel febbraio 1944 gli Alleati riconsegnarono la Sicilia al governo italiano del Regno del Sud, che nominò un Alto commissario. Intanto, però, riprendeva forza l’antica tendenza all’indipendenza ed all’autogoverno, che nel secolo scorso aveva spinto i siciliani a chiedere il distacco dall’Italia. Si sviluppò il movimento separatista. Esso tenne agitata la vita dell’isola per diversi anni, finché si andò spegnendo, anche per l’istituzione, con il Decreto regio 15 maggio 1946, della Regione Siciliana, che concedeva lo statuto speciale d’autonomia. Nell’aprile del 1947 veniva eletto il primo parlamento siciliano, che il 30 maggio eleggeva il primo governo regionale. Oggi vogliamo ricordare la nostra Sicilia attraverso le parole dei poeti antichi e moderni.

Poesie sulla SICILIA

“Di te amore m’attrista,
mia terra, se oscuri profumi
perde la sera d’aranci,
o d’oleandri sereno,
cammina con rose il torrente
che quasi n’è tocca la foce.
ma se torno a tue rive
e dolce voce al canto
chiama da strada timorosa
non so se inerzia o amore,
ansia d’altri cieli mi volse,
e mi nascondo nelle perdute cose.”
Salvatore Quasimodo

“L’Italia senza la Sicilia non lascia immagine
nello spirito: la Sicilia è la chiave di tutto.”
Johann Wolfgang Goethe
– Viaggio in Italia –
(alla lettera datata “Palermo, venerdì 13 aprile 1787″)

“L’ Etna nevoso, colonna del cielo
d’acuto gelo perenne nutrice;
mugghiano dai suoi recessi
fonti purissime d’orrido fuoco,
fiumi nel giorno riservano
corrente fulva di fumo
e nella notte ròtola
rocce portando alla discesa
profonda del mare, con fragore.”
Pindaro
– Ode Pitica –

“Sai tu isola bella, a le cui rive
manda Jonio i fragranti ultimi baci,
nel cui sereno mar Galatea vive
e su’ monti Aci?”
Giosuè Carducci
– Primavere Elleniche –

“Giusto è che questa terra,di tante bellezze superba,
alle genti si addìti e molto si ammiri,
opulenta d’invidiati beni
e ricca di nobili spiriti…..”
Lucrezio
– De rerum natura –

Sicilia Patria mia – Inno siciliano – testo di Massimo Costa musica di Carlo Muratori
“Jardinu di bidhizza e di splinnuri,
isula jittata ‘n-menzu di lu mari,
terra filici chî so tanti ciuri,
nun n’abbàstanu l’occhi pi taliari.
Cca li tri Cuntinenti s’incuntraru
pi dàrisi la manu o pi luttari,
Adi e Pirsèfuni si maritaru;
amuri e sangu sempri a cuntrastari.
Sicilia, Sicilia, tutti cèrcanu a idha,
Sicilia, Sicilia, di civirtati stidha,
china di luci e vita,
amuri e fantasìa,
Sicilia, Sicilia, Tu si’ la Patria mia.
Cca vìnniru li Greci e Saracini
chi s’immiscaru poi cu li Nurmanni:
un Populu chi senza li catini
avìa un Regnu riccu, forti e granni.
A cu’ la mala signurìa ni detti
dèttimu cu lu Vespru na lizioni; *
arrispunemu juncènnunni tutti
e tannu addivintamu na Nazioni.
Sicilia, Sicilia, tutti cèrcanu a idha,
Sicilia, Sicilia, di civirtati stidha,
china di luci e vita,
amuri e fantasìa,
Sicilia, Sicilia, Tu si’ la Patria mia.
Cu Garibaldi la Sicilia critti
d’avìrinni ricchizza e libirtati;
n’arrispunneru cu li bajunitti,
emigrazioni, mafia e puvirtati.
Mentri parìa ca jìamu tutt’ ô funnu
si senti un gridu di l’antichi tempi;
dici ‘a Sicilia ‘n-faccia a tuttu ‘u munnu:
“Nuatri semu un Populu pi sempri!”
Sicilia, Sicilia, tutti cèrcanu a idha,
Sicilia, Sicilia, di civirtati stidha,
china di luci e vita,
amuri e fantasìa,
Sicilia, Sicilia, Tu si’ la Patria mia.”

#‎ticuntu‬… a me matri

I quattro elementi, l’aria, la terra, il fuoco e l’acqua, in Sicilia si manifestano con particolare forza e bellezza. Da sempre questi elementi, mutati in temperamento, vivono in un’unica figura: la Madre. Ed è da questa origine della vita che ogni siciliano, quasi con ritualità, cerca ogni momento per decantare questa sacra figura di donna depurata da ogni male e venerata come una dea: la madre terra.

LETTERA ALLA MADRE – Salvatore Quasimodo

«Mater dolcissima, ora scendono le nebbie,
il Naviglio urta confusamente sulle dighe,
gli alberi si gonfiano d’acqua, bruciano di neve;
non sono triste nel Nord: non sono
in pace con me, ma non aspetto
perdono da nessuno, molti mi devono lacrime
da uomo a uomo. So che non stai bene, che vivi
come tutte le madri dei poeti, povera
e giusta nella misura d’amore
per i figli lontani. Oggi sono io
che ti scrivo.» – Finalmente, dirai, due parole
di quel ragazzo che fuggì di notte con un mantello corto
e alcuni versi in tasca. Povero, così pronto di cuore
lo uccideranno un giorno in qualche luogo. –
«Certo, ricordo, fu da quel grigio scalo
di treni lenti che portavano mandorle e arance,
alla foce dell’Imera, il fiume pieno di gazze,
di sale, d’eucalyptus. Ma ora ti ringrazio,
questo voglio, dell’ironia che hai messo
sul mio labbro, mite come la tua.
Quel sorriso m’ha salvato da pianti e da dolori.
E non importa se ora ho qualche lacrima per te,
per tutti quelli che come te aspettano,
e non sanno che cosa. Ah, gentile morte,
non toccare l’orologio in cucina che batte sopra il muro
tutta la mia infanzia è passata sullo smalto
del suo quadrante, su quei fiori dipinti:
non toccare le mani, il cuore dei vecchi.
Ma forse qualcuno risponde? O morte di pietà,
morte di pudore. Addio, cara, addio, mia dolcissima mater.»

A ME MATRI – Nino Martoglio

Mamma, mammuzza, si ‘n’avissi a tia,
ju ‘ntra ‘stu munnu, mi sintissi persu;
ti vogghiu beni chiù di l’Universu,
chiù di la vista e chiù di l’arma mia.
Si lu me’ sensu ancora non s’ha’ persu,
lu vidi, mamma, è pirchì pensu a tia:
a tia ca si’ la megghiu puisia;
e di la puisia lu megghiu versu!
Oggi ricurri ancora la to’ festa
ed ju, chi non mi scordu la iurnata,
t’offru l’umili miu, solitu cantu.
Tu dùnami la solita vasata,
e po’ fammi durmiri ccu la testa
supra lu pettu to’ amurusu e santu!

LETTERA ALLA MADRE – Giovanni Verga 2 luglio 1869

[…] Mia cara madre, ti confesso che io sono felice di poterti scriverti tutto questo perché mi pare che i sacrifici che avete fatto per me, e quello più grande di aver tu sofferto per la mia lontananza, dovranno presto o tardi esser compensati largamente, che io potrò percorrere con onore questa bella carriera ch’è la mia passione e che voi possiate esser contenti di me. Io lo spero adesso, poiché ho delle prove che in me c’è qualche cosa che può garantirmi un buon successo che forse non sarà tutto tempo perduto . Io spero che quando mi riabbraccerete in settembre avrò un altro titolo alla vostra stima e al vostro affetto. In quanto a me vi assicuro che non mi risparmierò il lavoro per raggiungere la meta. […]

LETTERA ALLA MADRE – Federico De Roberto Roma 20 febbraio 1910

Mia cara Mamma,
Questa è la terza lettera che io ti scrivo, domani farà una settimana che partii, e ancora sono senza tue notizie. Sarei stato molto inquieto, e ti avrei già telegrafato, se l’altro ieri non avessi ricevuto un Corriere di Catania: la sola cosa che ho finora qui ricevuta. Ho dunque la quasi certezza che il tuo silenzio non dipende da ragioni incresciose, anzi che tu mi devi aver scritto e che la tua lettera dev’essere andata smarrita – non per difetto di indirizzo ma per colpa della posta. Ad ogni modo, sono dolente di non saper nulla di voi, e nulla ti dirò di me finchè non avrò ricevuto una tua lettera. Spero vivamente di poterla avere oggi stesso […]

Tratto da “FIMMINI DI SICILIA” di Davide A.S. GULLOTTA

Me matri è greca…anzi araba…me matri è catalana, aragonese, normanna… me matri è angioina, romana, turca… me matri è francisa, inglisa, borbonica, taliana… me matri è… FIMMINA DI SICILIA…
A matri cca s’adduma di spiranza po’ figghiu ‘namuratu
Cca s’allea cò so duluri po’ so’ tradimentu svinturatu
Idda ‘nu avi denza, ‘nu avi paci, pinseri pigghia
Ppi ddu figghiu unicu masculu di famigghia.
[…]

#‎ticuntu‬… la magia di Montalbano Elicona

La pace di Caltabellotta, più che definire la fine dell’ostilità tra angioini e aragonesi, costituì una tregua. Federico II (III) dovette prendere in moglie la figlia del suo antagonista Carlo II, Eleonora d’Angiò, e riprese a ricostruire e rinforzare le difese sia terrestri che marine della Sicilia. In questo contesto storico Montalbano Elicona accrebbe la sua importanza, diventando base militare insostituibile.

Fu proprio durante il periodo aragonese che la cittadina conobbe il periodo di massimo splendore. Il legame che Federico aveva con Montalbano non era solo militare, ma sentimentale. Egli, predilesse Montalbano, i ricordi che lo accompagnarono risalivano all’infanzia, quando spesso vi sostava insieme alla madre durante i viaggi della regina da Palermo a Messina. Il nome Montalbano è indissolubilmente legato a quello del re Federico d’Aragona. Questi, invasato dall’aria, dallo splendido orizzonte, amò talmente la posizione in cui sorgeva Montalbano che abbellì e rinnovò il castello. Lo fortificò ulteriormente costruendovi una cinta muraria e trasformò il nuovo corpo svevo da fortezza a reggia. L’opera di ristrutturazione fu talmente incisiva che alcuni storici, ne hanno attribuito la fondazione allo stesso Federico.

La tesi più probabile è, invece, che la costruzione dell’imponente castello non sia avvenuta ex-novo, ma su costruzioni arabe e normanni già preesistenti. Per quanto riguarda l’oppidum muro cintum si sa che in esso si accedeva per 4 porte: Porta Reale a Sud, Gian Guarino a ovest, Porta di terra a est, Portella a nord. Ogni porta aveva una sua funzione: dalla prima entrava Federico, la seconda prendeva il nome da un guerriero che morì difendendone l’ingresso, la terza era una porta segreta e dalla quarta vi entravano i popolani.

Il castello servì a Federico II per rendere più comodo e agevole il suo soggiorno, infatti, egli soleva spesso recarvisi per curare una malattia di cui era affetto, la podagra. A Montalbano infatti vi era un’acqua che sgorgava della Fonte Tirone, che per le sue sostanze oleaginose era ritenuta salutare per malattie simili. Dal castello di Montalbano, nel 1311 Federico emanò le norme per l’elezione delle cariche amministrative della città di Palermo, che rappresentarono le più antiche norme elettorali della storia europea. E’ in quegli anni che il castello divenne “regias aedes”. Dal castello il re ammoniva quei religiosi che sobillando la popolazione, osteggiavano la monarchia intromettendosi negli affari dello Stato. Re Federico II fece di Montalbano uno dei campi di prova di nuove esperienze religiose che, ispirandosi ad una chiesa caratterizzata dalla povertà evangelica, contrastava quella gerarchica della Curia romana, mettendone a nudo la corruzione del clero, i riti, la lettura. Egli istituì scuole di insegnamento evangelico accessibili a tutti, ricchi e poveri. Aprì istituti per accogliere gli orfani, ospedali per i vecchi e gli infermi. Molte delle chiese sorte a Montalbano che si fanno risalire al XVI-XVII sec, sembra che in realtà fossero rifacimenti, ristrutturazioni di edifici nati proprio durante il regno aragonese.

Alla corte di re Federico soggiornò per lunghi periodi Arnau di Villanova, di lui si sapeva: “Di Vilanova, cittadina nel Regno di Valencia, era un grande e famoso medico che si chiamava maestro Arnaldo di Vilanova. Era un uomo illuminato in diverse scienze, che disprezzava assai il mondo e andava vestito molto semplicemente, né mai volle prender moglie e si muoveva sempre a cavallo di un asino. Non aveva casa né ostello, e apparteneva al Terz’Ordine di san Francesco. Fu un uomo molto rinomato per sapienza naturale, grande scienza e vita virtuosa, uomo di grande zelo e molto fervente nell’incitare ogni creatura al servizio di Dio. Visse al tempo del re Giacomo d’Aragona di buona memoria, che fu fratello del re Federico di Sicilia. Questi conosceva l’arte della necromanzia in modo esaustivo, e fu pregato dal suddetto re Giacomo che gli insegnasse quest’arte, e non gliela volle mai insegnare, dando come motivo il fatto che ne avrebbe usato male; comunque, visto che amava più caramente il re Federico di Sicilia, dopo grandi e lunghe preghiere a lui lo concesse. E quando egli era passato in Sicilia per insegnare quest’arte al suddetto principe, ed arrivò a Genova, qui nostro Signore gli mandò una malattia che si chiama pleuresi; e benché non ci fosse stata prima nessuna malattia dalla quale egli non fosse guarito, da questa non poté guarire”.

La regina Eleonora lo volle alla corte per proteggere la famiglia dalle malattie e soprattutto per le cure del marito. Secondo il Devins e Musco (Argimusco Decoded), il luogo preposto per le cure, oltre il Castello, fu l’Argimusco, un altopiano che si trova in poco a nord dell’Etna, all’incirca al confine tra i monti Nebrodi e i Peloritani, diviso amministrativamente tra i comuni di Montalbano Elicona, Tripi e Roccella Valdemone. Il fine di Arnau era quello di realizzare sul sito di “Argimustus” una sorta di grande talismano di pietra al fine della medicina astrale per la cura del corpo del re e per la salute della famiglia reale nei tempi nefasti della imminente apocalisse.

Da documenti del 1308 risulterebbe che la regina Eleonora, tassando i territori di sua competenza (Camera reginale) abbia finanziato Arnau per la realizzazione dell’Argimusco come ricompensa per le attenzioni date al consorte e al regno nonché per la guida di morale evangelica data a lei stessa raccomandandole di non avere letture mondane, di organizzare gruppi religiosi e di essere un esempio di santità per i suoi sudditi.

#‎ticuntu‬… gli anni cinquanta

Durante lo spettacolo “Il Blasone”, commedia brillante in due atti di Davide Gullotta, la redazione di “TI CUNTU” ha regalato al pubblico “pillole” di storia di Catania negli anni cinquanta, che, in parte, vogliamo riproporre.
Alla fine della Seconda Guerra mondiale Catania è una città sconfitta, mutilata; i catanesi e tutti i siciliani si trovano in condizioni di estrema povertà in cui tutto manca: mancano i generi di prima necessità, le medicine; mancano il cibo, le case, i mezzi di trasporto.
Ma in mezzo ai detriti e alla polvere, si comincia ad intravedere un nuovo orizzonte, la rinascita di un paese che si prepara al boom economico degli anni del Dopoguerra.
Complici di questa rinascita furono anche gli americani, che hanno influenzato la nostra moda, il nostro cinema, la nostra musica; indimenticabili le dive di Hollywood, come Marilyn Monroe, dalle misure sbalorditive!
Ma gli anni ’50, a Catania, erano gli anni in cui…
– Si andava al Lido Spampinato per assistere al gran ballo delle sirene e al concorso di bellezza “Regina del Mar Jonio”, in cui una timida Anna Bonino venne eletta Miss Sicilia, diventata poi Miss Italia
– Si sorseggiava l’aperitivo nel bicchiere orlato di zucchero, alla stessa ora e con gli stessi amici, nel bar Caviezel
– Si prendeva l’auto di papà o la si affittava, per poi correre ad Acireale a mangiare il gelato di Costarelli o girovagare per Taormina
– Si partecipava al Club del Lunedì del Lido dei Ciclopi, e per risparmiare sull’ingresso si entrava dalla spiaggia
– Venne demolito, il 17 Giugno 1957, un baluardo della cultura e del divertimento catanese: la Sala Roma; al suo posto venne costruito un edificio la cui architettura rompeva con l’equilibrio architettonico circostante: la Rinascente
– Si organizzava il corteo primaverile della città, con la presenza di carri fioriti che percorrevano via Etnea
– Catania la città di Maria “’a pazza”, che sorrideva a tutti, vestendo sempre abiti dai colori sgargianti ed appariscenti; la città di quel padre e figlio, venditori di sale, sporchi e con gli occhi umidi, che percorrevano la via Etnea sul carretto; la città di Pippo detto “sala Roma”, o meglio conosciuto come “ Pippo pernacchia” per l’abilità con cui riusciva ad emettere sonore pernacchie… Previo compenso!
– E che dire della festa delle matricole, un momento goliardico in cui tutti gli universitari catanesi indossavano la feluca, ossia un copricapo a punta di colore diverso a seconda della facoltà; Le matricole dovevano offrire “obbligatoriamente” la colazione ai veterani universitari per ottenere un lascia passare per accedere all’università, il cosiddetto “papello”, altro non era che la carta intestata del bar con tutte le firme dei veterani soddisfatti della colazione.
– Ed infine “a puliziata” al sederone e… parti limitrofe del Liotru del Duomo, che le matricole selezionate dovevano pubblicamente effettuare con spazzolone e creme detergenti.
– Al Viale Mario Rapisardi i pasticceri Mantegna e Privitera si associarono nella ditta “PRIMA” e inventarono, oltre ai gelati industriali, il primo panettone siciliano
– Erano gli anni in cui si vedevano per via Etnea le sponse di gessuminu, deliziosi bouquets di petali bianchi attaccati ad un lungo bastone, che i venditori portavano in giro durante le serate estive;
– I taxi erano le carrozzelle trainate dai cavalli, e con poche lire giravi mezza città;
– Le campane a Pasqua suonavano a mezzogiorno, e tutti in quel momento per le strade si abbracciavano. Le uova non erano di cioccolata, ma sode, incorporate in un fitto pane rotondo, i cuddura cull’ova!
– La televisione era un lusso, e si andava nei bar o in alcuni cinema per assistere alle puntate di “Lascia o Raddoppia”; chi possedeva la tv riceveva sempre in casa il vicinato, e spesso erano tanti i danni ai divani e sedie di casa!

(un ringraziamento va a Aldo Motta e il suo libro “A Catania con amore” da cui sono state tratte alcune informazioni riportate)

In questa foto lo sventramento del quartiere San Berillo per far posto al Corso Sicilia (1957) tratta da Wikipedia

#‎ticuntu‬… Bona Pasqua

Al risorger di Cristo si ha la benedizione universale. Un prete in suppiddizza (superpelliceum) o cotta e stola accompagnato dal chierico portante il secchiello dell’acqua santa andava liberalmente per le case impartendo la benedizione. I preti, contro il volere della chiesa, ne fecero ragione di lucro, ed i privati, le femminucce soprattutto, di riprovevoli pratiche. La legislazione ecclesiastica del cinque e seicento minacciò di gravi pene questi ingordi sacerdoti, che con segni, gesti e parole esigevano un prezzo dell’opera loro, ed inculcò che nel lasciare a donnicciuole e ad uomini insipienti l’acqua benedetta, raccomandassero loro di non servirsene, com’era costume, ad usi profani e superstiziosi. La Pasqua è finalmente giunta e fortunato chi la vede! “Miati l’occhi chi vidinu a Pasqua!”. La Pasqua non può esser se non di Domenica , a differenza dei Natale , che può ricorrere in qualunque giorno della settimana, per cui si suol dire: “Pasqua di Duminica, e Natali d’ogni tempu”. Essa viene sempre il domani d’una luna piena; onde il seguente altro proverbio meteorologico: “Nun veni Sabbatu santu si nun è quintadecima”. Un tempo non troppo lontano la Pasqua la si festeggiava a mezzogiorno e a Catania, tra forestieri e non, si soleva baciarsi e abbracciarsi per le strade in segno di buon augurio. La mattina di questo lieto giorno, a Vizzini, si fa incontrare Gesù Cristo risorto con Maria, entrambi condotti in giro da due processioni diverse. Maria non sa che il figlio vada in cerca di lei, e ne riceve avviso qua da S. Pietro, là da S. Giovanni, altrove da S. Maria Maddalena, statue che vengono condotte da Maria a Gesù, da Gesù a Maria, da una chiesa ad un’ altra come fa chi abbia premura di ricongiungere persone amatissime che sospirano d’amore l’uno per l’altro. Avvenuto l’incontro, il Demonio legato con catena di ferro vien trascinato e condotto a mano da S. Michele Arcangelo dietro i simulacri di Cristo e Maria. Un uso che qui non va omesso è questo, che nell’istante in cui Madre e Figlio s’incontrano, dal manto nero che si lascia cadere a Maria volano colombe o tortore od altri uccelli.
E passiamo dal sacro al profano. In casa vi son vivande e cibi rituali, che nessun buon siciliano saprebbe trascurare. È possibile che non si assista alle cerimonie religiose, è facile che non si prenda parte a nessuna pratica della Settimana santa, ma non è presumibile che si resti indifferenti a ciò che per questo sacrosanto dì offre la cucina siciliana. Pel lesso di carne e pollo, passi; nonostante che siavi cotta dentro la pastina di uso; passi per l’agnello, che in un modo o in un altro cucinato s’imbandisce a mensa, documento il proverbio: “A Pasqua pari cu’ ha beddi agneddi, Ed a Natali cu’ ha beddi nuciddi”, ed il motto proverbiale : “Truzza, Martinu, che la Pasqua veni (Martinu è nome comune dell’agnello. Nel linguaggio convenzionale martinu si dice d’un Menelao qualunque);(picureddi o agnellini di mandorle e zucchero — pasta riali — vendono i pasticcieri); ma alla cassata, al pupu cu l’ovu, all’ovu duru, alle ravioli in generale come si rinunzia? La cassata, dolciume che dicono arabo , è una pasta informe rotonda e ripiena di crema dolcissima, di zucca candita tagliuzzata e d’altri ingredienti. “Tintu cu’ ‘un mancia cassati la matina di Pasqua”, esclama un antico motto siciliano; “Tintu cui perdi li cassati dì Pasqua!”, esclama una variante di esso; e quando non si è più in grado o in volontà di fare altrui un bene che altre volte s’è fatto, o d’impartir grazie e favori come un tempo, usa dirsi: “Cui nn’appi nn’appi cassati di Pasqua”. Ed è tale la celebrità di questo dolce che da tempi molto lontani dai nostri esso diede nome alla stessa Domenica di Resurrezione, la quale ebbe il titolo di Pasqua di li cassati . Altro dolce è lu pupu cu l’ovu, che moltissimi mangiano. È una pasta ammollita di forma oblunga e schiacciata con una rilevatura capace di piccolo uovo a un iato, ov’è chiusa della conserva. Meno comune della cassata il pupu cu l’ovu si faceva specialmente in alcuni monasteri , e si mandava come la cassata a qualche sacerdote , per lo più da una penitente o da tutta una comunità. L’uso di far dolci come questi è antico ne’ monasteri siciliani e qualche volta attirò le censure ecclesiastiche! Sotto il nome di cuddura cu l’ova si vende o regala una pasta non dolce in varie forme, per lo più lunga o circolare, con uno, due , quattro o più uova sode dentro. Le famiglie agiate distribuivano de’ cannatuna ai fanciulli o alle bambine dei loro dipendenti. Gli adulti mangiavano il giorno o la sera di Pasqua la cassatedda, cioè un dolce fritto nell’olio composto di pasta con dentro ricotta, sul quale si spande, messo in piatto, del miele, o dello zucchero. Nel cuocere le cassateddi tutta la famiglia accorreva in cucina, radunandosi festosamente intorno al focolare, come facevano le primitive famiglie. Per Pasqua pecorai e boari avevano la vicenda , cioè erano dispensati dal servizio perchè rivedevano la famiglia e adempivano al precetto pasquale : erano donati dal padrone rotoli di pane , vino , ricotta , cacio fresco non salato e salato, un agnello e altro, per far la festa in famiglia. Tutta questa roba dava un gran da fare a forni ed a fornelli, né senza ragione nacque il modo proverbiale: “Aviri cchiù a fari di li furni di Pasqua”, ed il proverbio: “A Pasqua ed a Natali tutti li lagnusi diventani massari”. Oggi malgrado queste usanze sono scomparse la Pasqua riunisce tutte le famiglie, ad ogni modo vi auguro di passare una Buona Pasqua in serenita!
Auguri dalla redazione di “Ti cuntu”

(Immagine tratta dalla raccolta cuginischiantarelli.it)